Kancha, un raro tè giapponese raccolto in inverno

Un caro saluto a te! Spero che questo post sul blog ti trovi in ​​salute e in salute mentre diamo il benvenuto al solstizio d'inverno di oggi e ci avviciniamo alla fine dell'anno. 

Se hai familiarità con il tipico tè giapponese, probabilmente pensi che la fine di aprile e l'inizio di maggio sia la stagione principale per la raccolta del tè. Dopotutto, c'è quello famosa canzone tradizionale giapponese del tè che menziona l'avvicinarsi dell'estate e l'88a notte per la raccolta del tè. Esiste, tuttavia, un tè tradizionale in Giappone chiamato "Kancha" (寒茶) che viene raccolto durante i mesi più freddi dell'anno. Kancha significa letteralmente "tè freddo" in inglese (cioè 'kan' significa freddo e 'cha' significa tè) poiché le foglie vengono raccolte durante la stagione invernale. Tradizionalmente, questo periodo corrispondeva a "daikan" (Giapponese: che significa grande freddo) nel vecchio calendario dell'Asia orientale prima di “rishun” o l'inizio della primavera (circa 20 gennaio ~ 4 febbraio). 

Attualmente il periodo di raccolta varia da regione a regione ma solitamente avviene tra gennaio e metà febbraio. In questo senso, il kancha potrebbe essere pensato come le prime foglie di tè raccolte del nuovo anno! Le foglie sembrano foglie cadute in inverno ed è classificata nell'ampio bancha (tè grosso raccolto tardivo) categoria.

 Foglie di kancha spesse e larghe con un aroma dolce e delicato; foto di La Fattoria del Tè Mitocha.

 

Come è fatto Kancha?

La principale differenza tra i cespugli di tè per il kancha rispetto ai cespugli di tè coltivati ​​per quello che oggi è considerato il tipico tè giapponese (ad esempio, sencha, gyokuro) è che le foglie di tè raccolte per fare il kancha proverranno da piante di tè che sono generalmente lasciate in natura (cioè senza molta cura e cura umana) insieme all'ambiente circostante. Quindi, le piante da tè di kancha sono più simili agli alberi in quanto non vengono potate come è tipico di altri campi di tè commerciali. Questo forse può ricordare uno dei sannen bancha che si ottiene lasciando crescere i cespugli di tè per tre anni. 

Un altro elemento da notare sul kancha è che le foglie di tè per fare il kancha vengono raccolte a mano, con le forbici o con un kama (tipo di falce). Le foglie verranno raccolte insieme a una buona parte del ramo. La cottura a vapore seguirà il processo di raccolta. Rispetto ad altri tè verdi giapponesi, il processo di cottura a vapore dura da 30 minuti a un'ora. Dopo la cottura a vapore, le foglie e i rametti vengono separati e l'ultimo passaggio consiste nell'essiccare al sole le foglie di tè (Tenbiboshi in giapponese).

A Shishikuichou, che è uno dei villaggi in cui viene prodotto il kancha, ci sono ulteriori passaggi in modo che il loro modo di fare il kancha vada: raccolto, vapore, arrotolare le foglie singolarmente a mano, varie e poi arrotolare di nuovo a mano.  Qui, puoi vedere alcune immagini del processo di creazione del kancha (Nota: articolo in giapponese). 

 Kancha Fumante - Tea Farm MitochaIl processo di cottura a vapore di kancha. Le foglie e gli steli del Tè vengono cotti a vapore in una vaporiera ricavata da botti di legno e posti sopra il vapore creato dall'acqua bollente con legna da ardere; fotografato da La Fattoria del Tè Mitocha

 

Variazioni di Kancha

Il kancha è piuttosto raro in questi giorni, ma ci sono due varianti principali di questo tè popolare a seconda della regione in cui ha avuto origine. 

 

Asuke, Prefettura di Aichi

Mentre Nishio nella prefettura di Aichi è famosa per il suo matcha di alta qualità, c'è anche una città chiamata Asko (giapponese: 足助; attualmente fusa nella città espansa di Toyota) famosa per il loro Asuke Kancha (足助寒茶). Il giovane coltivatore di tè Yuuki Kayashita della fattoria del tè Mitocha ha lavorato per preservare i tradizionali tè popolari giapponesi e attualmente sta preparando kancha nello stile del villaggio di Asuke. Mentre la sua fattoria ha sede nella prefettura di Nara, ha imparato dagli agricoltori del villaggio di Asuke. Di recente ho ordinato il suo makibi kancha legna da ardere tè verde invernale da provare ed è stato delizioso aprire una bustina di tè piena di foglie di tè invernali con un piacevole profumo dolce e confortante delle foglie e del sole!

 

Kancha ombra - Moe kishidaGodendo il kancha di Tea Farm Mitocha all'aperto durante il solstizio d'inverno... Sì, anche le tazze da tè possono avere ombre lunghe e graziose!

 

Shishikui, Prefettura di Tokushima

L'altro villaggio in cui viene prodotto il kancha è nella città di Shishikui (Giapponese: ), che è un accogliente villaggio di montagna di circa venti fattorie nella parte più meridionale della prefettura di Tokushima. Se chiedete alle nonne di questa regione che producono il kancha, vi diranno con sicurezza che hanno bevuto vari tipi di tè ma che preferirebbero le foglie di tè grossolane raccolte in inverno (piuttosto che le foglie fresche e morbide nel primavera) perché sono pieni di nutrimento e sono anche i più dolci!

Qui, le persone in questo villaggio chiamano effettivamente questi campi "campi di tè fatti da topi di campo" poiché i topi selvatici raccolgono molti dei semi del tè prima di andare in letargo per nutrirsene. In realtà non ho mai saputo che gli animali selvatici fossero interessati ai semi di tè come risorsa nutritiva fino a quando non mi sono imbattuto nella storia del kancha! Ciò che è piuttosto carino è che questi topi da campo portano questi semi di tè nel loro nido o li nascondono nei luoghi di stoccaggio. Tuttavia, poiché non sono troppo abili e smemorati, i semi del tè germoglieranno da luoghi casuali e cresceranno in cespugli di tè. Grazie a questi topi da campo, i campi di tè si espandono naturalmente da soli e con i coltivatori di tè che piantano appositamente i semi di tè, questo crea un buon lavoro di squadra! 

 

Sia in Asuke che in Shishikui, le foglie di tè necessarie per fare il kancha vengono raccolte da campi di tè piuttosto selvaggi. Pertanto, non è necessario l'uso di pesticidi o fertilizzanti chimici. Spesso i campi di tè kancha si trovano in zone montuose in pendenza. Inoltre, piuttosto che essere separati dalla foresta (come si vede comunemente nei campi di tè commerciali), gli alberi coesistono anche con i cespugli di tè. Ad esempio, in estate, gli alberi decidui forniranno un'ombreggiatura naturale impedendo ai cespugli di tè di ottenere troppo sole e quindi amarezza. In autunno, alberi come le querce perderanno le foglie fornendo fertilizzante naturale ai cespugli di tè. Questo ambiente naturale conserva anche l'ordinata convivenza con animali selvatici di montagna come topi di campagna e cinghiali. Forse, l'aspetto deplorevole del kancha è che non viene prodotto molto poiché ci sono solo una manciata di persone che preparano questo tè. Inoltre, le persone che sanno fare questo tè stanno invecchiando. Detto questo, il kancha non viene venduto spesso sul mercato ed è una bevanda principalmente per la gente del posto. Questo è il motivo per cui il kancha è considerato un tè popolare raro. 

Bene, poiché è il giorno più corto dell'emisfero settentrionale, concluderò questo post del blog in modo che sia relativamente breve e leggero. Ma se hai voglia di letture più correlate, dai un'occhiata ai link qui sotto. Divertiti! 

Ulteriori letture/articoli correlati

 

Immagine in primo piano; Makibi kancha legna da ardere tè verde invernale di La Fattoria del Tè Mitocha.  

kanchaBancha Regional regionaleMitocha della fattoria del tèTradizioneCampi di tè selvaticiRaccolto invernaleSolstizio d'invernoTè invernale

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati