Tè Onomatopea Giapponesi Regionali

Le nuvole sono bianche e soffice (Giapponese: fuwafuwa) oggi.   

fuwafuwa-Moé Kishida

 

La sabbia in spiaggia era così liscio (Giapponese: sarasara) che il vento e le nostre impronte lasciavano belle impronte.  

sarasara - Moé Kishida


Il natto di soia fermentata giapponese, ha un viscido (Giapponese: nurunuru) consistenza che alcune persone trovano fastidiosa. 

NattoFoto di 自然さん (foto-AC)

 

Se conosci un po' la lingua giapponese o sei stato in Giappone, potresti aver incontrato alcune delle nostre divertenti onomatopee, che i giapponesi non nativi spesso trovano intriganti. Ai fini di questo post, ovviamente non entrerò in un lungo elenco delle onomatopee nella nostra lingua. Tuttavia, sapevi che ci sono alcuni tè giapponesi che prendono il nome di onomatopee? Ecco un'introduzione a questi tè unici!

 

Batabatacha

Forse il più noto dei tre tè di cui parlerò oggi, il batabatacha è un bancha regionale e tradizionale originario della città del XV secolo di Asahimachi Birudan in Prefettura di Toyama. È un tè post-fermentato che viene preparato bollito, che potrebbe ricordarvi un po' il tè cinese pu-erh. Tuttavia, è unico in quanto tradizionalmente veniva bevuto sbattuto e schiumato con un pizzico di sale. Sebbene le sue radici siano nell'Asahimachi Birudan, è stato storicamente apprezzato anche nella vicina prefettura di Prefettura di Niigtaa nella regione di Itoigawa. Perché “batabata”? In giapponese, "batabata" è un'onomatopea che cattura commozione e fretta. Quando usato come avverbio, significa sbattere le ali (ad esempio, ali di uccelli), sferragliare o sferragliare. Particolare per il tè, cattura il suono di sbattere questo tè regionale unico in una schiuma.

 

foglie di batabatacha; Furyu Bancha Shop's Batabatacha di Asahimachi, Prefettura di Toyama. fotografato da Furyu

 

Radici storiche 

La prima testimonianza storica conosciuta di questo tè proviene da una visita del 1472 di Rennyo, l'ottavo capo sacerdote della setta buddista Jodo Shinshu. Rennyo ha notato che la gente del posto stava combinando questo tè con riso e alcol in un unico piatto che veniva mangiato/bevuto. Alcuni dicono che il tè sia stato consumato prima di questa data e mentre le sue radici esatte sono sconosciute, si dice che il processo provenga dalla Cina.  

Sfortunatamente, la produzione di tè Asahimachi Birudan si estinse negli anni '1970 e la gente acquistò il loro batabatacha dal coltivatore di tè Hideo Shimizu nel villaggio di Mihama, nella prefettura di Fukui. Nel 1975, l'anziano Shimizu-san aveva deciso di interrompere la produzione e Akinobu Hagiwara del villaggio di Kosugi, nella prefettura di Toyama, apprese il processo, rilevando la produzione del tè. Successivamente, negli anni '1980, la gente di Asahimachi Birudan decise di imparare a fare il batabatacha da Hagiwara-san per preservare questa preziosa tradizione. Grazie a questi sforzi, negli anni '1990 nel villaggio sono stati stabiliti campi di tè. Con l'aiuto del professor Kinjiro Miyagawa dell'Università di Kagawa, il villaggio ha migliorato la qualità dei cespugli di tè e della lavorazione delle foglie, e ora la produzione è diventata un progetto comunitario guidato dalla camera di commercio locale. Storia abbastanza ordinata!

 

Processo di fabbricazione del Batabatacha in Asahimachi Birudan oggi

  1. La raccolta del batabatacha avviene generalmente a fine luglio dalla cultivar Yabukita. Le foglie di tè vengono raccolte insieme alla parte superiore del ramo. 
  2. Le foglie ei rami giovani vengono poi portati alla fabbrica di batabatacha nel villaggio e sminuzzati grossolanamente. 
  3. Il processo di cottura a vapore interrompe la funzione ossidativa degli enzimi (*Si noti che questo passaggio consente di classificare il tè come tè verde e non come tè oolong o tè nero). 
  4. Il calore viene dissipato e i rami più spessi vengono rimossi.
  5. Le foglie di tè vengono strofinate grossolanamente e impilate su un panno all'interno di una grande scatola di immagazzinaggio chiamata "muro". 
  6. Le foglie di tè vengono mantenute a 60 gradi Celsius (140 °F; *questo è molto importante!), per un periodo di 2-3 giorni per consentire una fermentazione uniforme e per non danneggiare le foglie. Questo processo di mantenimento della temperatura a 60 gradi viene mantenuto per un periodo totale di circa 40 giorni e richiede abilità e duro lavoro. La temperatura è mantenuta dal calore del processo di fermentazione stesso e le parti centrali saliranno di temperatura. Per evitare temperature più elevate, le foglie vengono spostate in diversi "muros" o riorganizzando il mucchio. Questo passaggio è completo quando le foglie di tè diventano sufficientemente morbide e quando la temperatura smette di salire. 
  7. All'inizio di settembre, le foglie di tè sono finalmente pronte per essere prima essiccate all'interno/all'ombra e poi essiccate al sole (per un periodo di 2-3 giorni) per arrestare completamente il processo di ossidazione. 

Considerando questo duro lavoro e il fatto che il batabatacha viene fermentato durante il periodo più caldo dell'estate, si spera che si possa apprezzare ancora di più questo tè popolare regionale! Mentre il sito web è in giapponese, Asahimachi ha una pagina web molto carina che cattura istantanee della gente del villaggio che realizza Batabatacha.

 

Cultura del tè di Batabatacha a Birudan

Secondo i documenti storici di Asahimachi Birudan, il tè era una bevanda che rafforzava “kizuna” (Carattere giapponese: 絆;definizione: legami/connessioni) tra le persone. Forse, questo aspetto era particolarmente forte nella gente di questo villaggio. Questa era una tendenza naturale, poiché il tè veniva consumato in occasioni e contesti sociali. Ad esempio, dopo che la maggior parte della famiglia era partita per il lavoro o la scuola, le nonne del villaggio si riunivano per godersi la loro tazza di batabatacha. Il batabatacha veniva anche servito e goduto in vari affari e cerimonie buddiste. Per il matrimonio, la nascita, i funerali, la laurea, il lavoro, il giorno del raggiungimento della maggiore età, l'elenco potrebbe continuare... Sì, la cultura cha-no-ma era molto importante tra la gente di Birudan. In questo senso, il tè era sia cerimoniale che casuale in quanto volutamente contrassegnava un'occasione specifica, ma veniva anche condiviso tra parenti stretti e familiari in un'atmosfera conviviale e amichevole. 

 

Aspetti unici di Batabatacha

Tradizionalmente, il batabatacha richiede una ciotola e una frusta speciali. La ceramica nata ad Asahimachi Birudan si chiama Gorohachi chawan (Giapponese: ) e questa ciotola ha una bocca leggermente stretta. Per la frusta, c'è una tradizionale frusta di bambù accoppiata realizzata appositamente per sbattere il batabatacha locale (dalle prefetture di Toyama e Niigata). In giapponese è chiamato "meoto chasen", letteralmente "frusta per il tè di marito e moglie". Certo, si può improvvisare senza questa particolare frusta e ciotola e godersi comunque il gusto della batabatacha! In effetti, la gente del posto beveva anche batabatacha non sbattuta con il loro pasto quotidiano. Personalmente, trovo che possa essere abbastanza carino come tè pomeridiano e l'abbiamo portato alcune volte durante le nostre escursioni dove la sua atmosfera rustica completa l'aria aperta. 

Frusta Batabatacha (meoto chasen)

Meoto caccia (marito e moglie frusta) disponibile su Yunomi per i fan di batabatacha che vogliono utilizzare questa frusta unica. Questa frusta potrebbe anche servire come regalo meraviglioso insieme alla batabatacha a un novello sposino. fotografato da Seikoen.  

 

Botebotecha

Meno noto rispetto a batabatacha, bottebotecha ha avuto origine a Izumo, che è l'attuale Matsue City, la capitale della prefettura di Shimane. La Botebotecha è composta da foglie e rami di tè che vengono raccolti intorno ad ottobre, quindi essiccati all'ombra per circa un mese (questo tipo di bancha è chiamato: Hikage-bancha) e mescolato con fiori di tè essiccati. Come il batabatacha, il modo tradizionale di preparare questo tè prevede la frusta. Per preparare il tè, le foglie di tè bancha e i fiori di tè essiccati vengono bolliti insieme. Il tè viene quindi raffreddato un po' e versato in una ciotola. Quindi, la ciotola viene agitata da sinistra a destra e sbattuta con una lunga frusta di bambù intinta nel sale. Si dice che i fiori del tè contengano saponina, che aiuta a creare una grande quantità di schiuma. In effetti, la botebotecha sembra una bevanda bianca schiumosa! 

 

BotebotechaAnche se può essere difficile raccogliere tutti gli ingredienti tradizionali, puoi sempre improvvisare con gli ingredienti e goderti la botebotecha a casa. In Yunomi, noi abbiamo Botebotecha di Ocha no Sankoen, Prefettura di Shimane, Giappone disponibile per l'acquisto. Foto di Teamona

 

 

Ciò che forse è interessante del botebotecha è che può fungere da cibo di conforto, come Ochazuke, ed è tradizionalmente consumato con ingredienti locali e di stagione. Sebbene vari da una famiglia all'altra, gli ingredienti comuni includono una piccola porzione di riso, fagioli neri (o riso con fagioli rossi, chiamato Sekihan), sottaceti di stagione (tsukemono),shitake e pelle di tofu. Una volta che il tè viene sbattuto, vengono aggiunti questi ingredienti ed è così che viene gustato. Sembra che il modo corretto di consumare la botebotecha sia picchiettare il fondo della ciotola in modo che gli ingredienti si raccolgano da un lato, poi li si butti in bocca tutti insieme con il tè (cioè senza usare le bacchette)! Un'altra somiglianza con il batabatacha è che l'onomatopea "botebote" si riferisce anche al suono del frullare vigorosamente. Botebote era semplicemente il suono che la gente del posto di Izumo sentiva quando il tè veniva sbattuto.  

La leggenda dice che il famoso maestro del tè e signore dei daimyo Harusato Matsudaira (1751-1818, conosciuto con il nome di tè Fumai) lo preparava come spuntino quando andava a cacciare con un uccello da falconeria condizionato). In alternativa, si dice che Fumai condividesse questo metodo di consumo di botebotecha con la sua gente quando stavano lottando contro la carestia, come un modo per estendere le loro razioni ed è così che la botebotecha si è diffusa a Matsue City.

* Ulteriori belle foto di questo tè regionale dalla prefettura di Shimane su Instagram: #botebotecha 

 

Bukubukucha, il tè regionale di Okinawa

Infine, ma non meno importante, vorrei concludere con il “bukubukucha”, un tè tradizionale che affonda le sue radici nella regione di Naha ad Okinawa. È stato sviluppato dalle mogli dei funzionari del governo reale e diffuso tra la gente comune durante l'era Meiji (1868 - 1912). Tradizionalmente, il bukubukucha veniva preparato in modo cerimoniale, simile a chanoyu (cerimonia del tè) per incontri celebrativi come matrimoni o per accogliere gli ospiti. Perché bukubukucha può anche essere scritto con il carattere kanji “fuku” che significa buona fortuna (Giapponese: 福福茶 o 福々茶), vuole essere un tè di felicità. 

 

Il ruscello gorgogliante ha creato un piacevole borbottando (Giapponese: bukubuku) suono. 

Onomatopea di Bukubuku - Moé Kishida

 

Forse, potresti indovinare in base all'onomatopea del bukubuku, ma il bukubukucha è un altro tè che viene sbattuto. È unico in quanto la base è il tè al gelsomino, che viene indicato come sanpincha ad Okinawa. Per aggiungere a questa unicità, il bukubukucha è in realtà realizzato con una base di acqua di riso bollita. Il riso viene bollito (rapporto riso/acqua 1:10) e questa particolare acqua viene poi mescolato con il sanpincha e un bancha (o genmaicha) in rapporto 1:5:2. Il prossimo passo è sbattere il tè con una frusta grande. È interessante notare che solo l'acqua dura di Naha o di altre parti meridionali di Okinawa ad alto contenuto di minerali fa schiumare adeguatamente la miscela. Oh, e mentre mi riferisco personalmente a questi tè come tè onomatopeici, forse, un modo più appropriato e magistrale per classificare questi tè sarebbe chiamarli furicha (Giapponese: 振り茶), che significa tè montati. 

Tornando in carreggiata nella preparazione del bukubukucha, una volta che la schiuma cremosa si è formata in una grande ciotola, il tè viene versato in ciotole più piccole e sopra si aggiungono le arachidi tritate. In questo senso, poiché si condividono le bolle fatte in una grande ciotola, si crea un senso di unità e collettività con coloro con cui si condivide il tè. È comune che il bukubukucha venga servito con i famosi biscotti di Okinawa chiamati chinsuko. Si dice che la preparazione del bukubukucha assomigli a temi (fasi della cerimonia del tè) del più comune chanoyu. A differenza dei primi due tè di cui abbiamo parlato oggi, il bukubukucha è piuttosto schiumoso. Quindi, potrebbe anche essere difficile da consumare per chi non conosce questo tè. Bisogna infatti prima "mangiare" la schiuma prima di bere il tè! 

 

Bukubukucha-di Itane-sanCiotola di bukubukucha con biscotti chinsuko di Okinawa. fotografato da Itanee (foto-AC)

 

In particolare, durante il dopoguerra, il bukubukucha stava scomparendo da Okinawa e sembra essere stato tagliato fuori dalla cultura per più di 40 anni. Fortunatamente, tuttavia, durante il dopoguerra, sono stati trovati strumenti della cerimonia del bukubukucha, come una ciotola significativa per fare il bukubukucha, che ha propagato la ricerca su strumenti, acqua e ingredienti come tè e riso. La formazione della schiuma è stata nuovamente promossa, insieme alla costituzione della Bukubuku Tea Preservation Association. Grazie a questi sforzi di conservazione, è ancora possibile godersi il bukubukucha nella prefettura di Okinawa! Mentre ho avuto l'opportunità di godermi la bellezza della natura lì, purtroppo non ho mai provato questo tè tradizionale. Quindi, per provare il bukubukucha in un bar di Okinawa... questo andrà nella mia lista dei desideri!

* Puoi avere un'idea migliore del bukubukucha e della calda cultura di Okinawa guardando altre foto di bukubukucha su Instagram: #bukubukucha 

 

Perché frullare il tè? 

Per concludere il post di oggi sul tè onomatopea/furichas, ti sei chiesto perché sembrava esserci una tradizione di frullare e fare bollire il tè in diverse regioni del paese? 

L'ho imparato di recente da Furyu Bancha Shop ma una spiegazione è che i nostri antenati sentivano una sorta di divinità nella parola giapponese “Tatsu”. In giapponese abbiamo molti fenomeni naturali che vengono descritti con il verbo “Tatsu” che significa alzarsi, alzarsi. Come descrivere una forma arcobaleno (Giapponese: ; niji ga tatsu ) e la nebbia si alza (Giapponese: ; kiri ga tatsu).

Insieme a questi fenomeni naturali, abbiamo anche la frase: "awa ga tatsu" (giapponese: 泡が立つ」) che si riferisce alla formazione di bolle. Ed era anche una preghiera per quando si manifestavano gli spiriti della medicina delle piante. Inoltre, quando le persone vedevano l'inizio delle bolle formarsi quando l'acqua calda del tè inzuppato iniziava a bollire o quando la pentola del cibo iniziava a bollire, sentivano sorgere una sorta di eterna vitalità. E per questo motivo si desiderava che le bolle formate da una frusta da tè rafforzassero le proprietà medicinali del tè. Questa era solo una delle usanze tradizionali dell'antico Giappone. 

Bene, spero che il blogpost di oggi non sia stato troppo incentrato sulla lingua giapponese per te. Ma la mia speranza è che la prossima volta che andrai a frullare il tuo bancha/matcha, o vedrai l'inizio delle bolle formarsi nella tua pentola di bancha, tu possa ricorda le credenze dei nostri antenati e senti che la buona medicina sta arrivando. Mmm, divertiti! 



Immagine in evidenza: Bukubukucha di Itanee (foto-AC). Tutti Altro le immagini su questo blogpost sono state fornite dall'autore se non diversamente specificato. 

 

 

 

BatabatachaBotebotechaCha no maFurichaMoe kishidaonomatopeaBancha Regional regionaleFrusta per il tèTradizione

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati