Tea Farm Mitocha: conservazione di un tè popolare storico

Oggi condividiamo con voi la nostra intervista a Yuuki Kayashita, una giovane e creativa coltivatrice di tè con sede in un villaggio a Yamazoe, nella prefettura di Nara. Nell'arco di 10 anni la sua piccola fattoria si è concentrata sulla produzione di un tè popolare regionale, chiamato tenbi-boshi kamairicha, che è un tipo di kamaricha essiccato al sole. La sua particolare nicchia è stata nello sviluppo di un metodo di lavorazione moderno ea basso costo che rispetta ancora la tecnica di lavorazione storica. I progetti in corso con cultivar meno comuni promettono tè entusiasmanti in futuro!

 

Viaggio per diventare un coltivatore di tè

Moè: Grazie per aver dedicato del tempo con me oggi. Sono entusiasta di essere con te perché Ian-san (Ian Chun) è sembrato molto colpito dai tè rari che fai e ho sentito che hai una storia stimolante. Volevo iniziare chiedendoti del tuo viaggio per diventare un coltivatore di tè. Potresti condividere con noi un po' del tuo background? 

 

Kayashita-san: Bene, io sono di Osaka e nessuno dei miei fratelli, nessuno nella mia famiglia è un agricoltore. Sono nato per a salariato (colletto bianco) famiglia. E poi mi sono laureato al college e ho sentito che volevo diventare un agricoltore. Volevo vivere in campagna in un posto come Satoyama. Ecco perché ho iniziato la mia formazione agricola. All'inizio, però, non avevo intenzione di diventare un coltivatore di tè. Ho svolto la mia formazione come agricoltore di prodotti biologici. 

Durante il mio tirocinio ho potuto formare con tre diversi allevatori per un periodo totale di circa tre anni e mezzo. In uno dei miei stage, mi sono formato con un produttore che coltivava ortaggi in modo biologico. E ho seguito un seminario da un produttore che coltivava ortaggi utilizzando metodi di coltivazione naturali. Questo mi interessava e ho deciso di fare uno stage con questo produttore. Lì coltivavano anche il tè. Tuttavia, a quel tempo, ero molto concentrato sulla produzione. Durante il periodo del mio tirocinio, non ho mai pensato di diventare un coltivatore di tè. Stavo svolgendo i miei stage con l'intenzione di diventare un produttore di ortaggi. 

Tuttavia, a quel tempo, ho sentito che c'era un evento chiamato, Cerimonia del tè Yoshidayama a Kyoto (in giapponese: ?; un festival annuale del tè che è in corso dall'anno 2010) e poiché in quel momento stavo facendo del lavoro sul campo del tè in parallelo con il lavoro di produzione, ho pensato tra me e me, perché non andare? È stato a questo evento che ho provato il mio primissimo kamairicha (tè in padella) di Kyushu e mi ha lasciato una forte impressione. Mi ha fatto pensare: "Wow, ci sono tè come questo!" ed è stato allora che ho iniziato a pensare che anche il tè potesse essere eccitante. Quindi immagino che bevendo questo kamairicha, sono stato improvvisamente preso dal tè. 

 

Moè: È una bella storia, solo dalla scoperta di questo kamairicha sei stato ispirato. Nelle nostre interviste ai coltivatori di tè che abbiamo fatto a Yunomi, succede solo che i coltivatori di tè che abbiamo intervistato finora provenissero tutti da una famiglia di tè, a volte generazioni di coltivatori di tè. Quindi sono curioso di chiederti, come giovane coltivatore di tè che inizia da solo, che tipo di sfide uniche hai affrontato? 

 

Kayashita-san: Innanzitutto, poiché siamo partiti davvero da zero, non era molto realistico pensare di guadagnarsi da vivere con il tè, a condizione che la coltivazione del tè fosse piuttosto costosa. Per avere le attrezzature e le macchine giuste, sono necessari molti soldi. 

A quel tempo, tuttavia, ho visitato una casa da tè a Nara e ho contattato il proprietario per vedere se potevano presentarmi un coltivatore di tè che preparava il kamairicha, poiché era il tè che mi aveva lasciato un'impressione. Durante la mia visita, mi hanno servito il tenbi-boshi kamairicha (*da qui in poi chiamato kamairicha essiccato al sole) che oggi produciamo alla Tea Farm Mitocha. Era la prima volta che bevevo questo tipo specifico di kamairicha e sono rimasto altrettanto toccato da questo tè. Proprio come quando ho bevuto il primo kamairicha del Kyushu. Era davvero delizioso.

E poi, sono stato fortunato che la casa da tè mi ha presentato il coltivatore di tè che ha preparato questo tè. Con il tempo, sono stato in grado di imparare a fare questo kamairicha essiccato al sole. Questo tè era molto semplice da preparare e non richiedeva molti macchinari. Quindi non ha richiesto molto costo all'inizio. Inoltre, ritengo che non richieda tanta tecnica o abilità come l'elaborazione del sencha. E così, con questo, ho potuto ripartire da zero.

 

La Fattoria del Tè MitochaRaccolta del tè con una macchina per due persone presso Tea Farm Mitocha. 

 

Tenbiboshi (essiccato al sole) Kamairicha

Moè:  Quindi, se ricordo bene, hai imparato a fare questo kamairicha essiccato al sole dal tuo maestro del tè a Kumano, giusto? Quanto tempo ti ci è voluto per allenarti con lui, per imparare a fare questo particolare tè? 


Kayashita-san:  Bene, ho iniziato a imparare da lui quando ero già indipendente come agricoltore, quindi ho fatto (e continuo a farlo) in parallelo con il nostro lavoro agricolo. La stagione della raccolta del tè è un po' prima nella regione di Kumano, quindi andrei ad aiutare e imparare da lui, poi tornerei a Yamazoe (Tea Farm Mitocha) e farei lo stesso tipo di tè. Lo faccio ogni anno, è una specie di ciclo del tè. Immagino che siano passati circa 10 anni o giù di lì. 


Moè:  Quando penso a kamairicha, mi viene in mente l'area di Kyushu, in particolare luoghi come Nagasaki, Saga e Miyazaki prefetture. Ma il kamairicha essiccato al sole che produci è originario di Kumano (prefettura di Wakayama)?  


Kayashita-san:  In realtà non sono sicuro che abbia avuto origine lì... ma in Giappone, tradizionalmente, molte persone preparavano tè popolari. Erano solo tè che le persone preparavano per se stesse, per le loro famiglie. Non tè che sono stati fatti per trarre profitto o da cui fare affari. Credo che questi tè popolari fossero presenti in diverse regioni del Giappone. Tuttavia, con il tempo, è stata sviluppata la tecnica di fare sencha… E ora, il tè giapponese è prevalentemente sencha. Raramente si sente parlare del kamairicha essiccato al sole, sai? Probabilmente era più comunemente prodotto nelle famiglie in passato, ma richiedeva un duro lavoro perché il tè veniva preparato senza alcun macchinario. E così, forse, capita semplicemente che Kumano sia un luogo prezioso in cui è stato conservato questo tè. 


Moè:  Quello è adorabile, ed è molto bello che ora stai preparando questo tradizionale tè popolare. Quindi questa è la storia del motivo per cui stai facendo questo kamairicha essiccato al sole oggi!


Kayashita-san:  Sì, era delizioso ed era anche un tè semplice da preparare. E poiché siamo partiti da zero, fare questo tè non era così costoso rispetto agli altri tè giapponesi. Immagino sia stata una scelta realistica.

 

Yuuki Kayashita Yunomi Intervista al coltivatore di tè - Moe KishidaKayashita-san parla con entusiasmo sul kamairicha essiccato al sole conservato nella regione di Kumano durante la nostra intervista zoom. 

 

Moè:  Questo viene dalla curiosità e con la mia poca conoscenza di kamairicha, ma per fare kamairicha, non lo fai cespugli di tè all'ombra come faresti tu kabusecha or Gyokuro, è corretto? 

 

Kayashita-san:  No, non utilizziamo alcun tipo di sistema di ombreggiatura. 

 

Moè:  E cos'è la differenza tra il kamairicha essiccato al sole e il kamairicha? Dal nome, supporrei la parte in cui viene essiccato al sole, ma è l'unica differenza? 


Kayashita-san:  Fondamentalmente, la prima parte in cui le foglie di tè vengono arrostite in una padella di ferro e impastate è la stessa. Tuttavia, con il kamairicha essiccato al sole, quest'ultimo processo è l'essiccazione naturale invece di utilizzare una macchina. E quindi sì, viene essiccato alla luce solare naturale.

 

Di seguito, c'è un cartone disegnato da Tea Farm Mitocha che mostra come preparare il kamairicha essiccato al sole. Confronta l'approccio storico e il modo in cui viene ora prodotto nella loro fattoria. 

Passaggi 1-3:  come fare il kamairicha essiccato al sole?

Passaggi 4-6: 

Preparare il kamairicha essiccato al sole*Porridge di tè - una ricetta tradizionale giapponese, simile a Ochazuke ma il riso viene fatto sobbollire nel tè piuttosto che versare semplicemente il tè caldo sul riso. 

 

Informazioni su Yamazoe e sulla fattoria del tè Mitocha 

Tè raccolto a mano YamazoeRaccolta manuale del tè in uno dei loro campi di tè a Yamazoe, nella prefettura di Nara. 

 

Moè:  A Tea Farm Mitocha, non solo coltivi il tè, ma coltivi anche i prodotti. Tra tutte queste cose, c'è un compito agricolo preferito o qualcosa che ti piace particolarmente fare? 

 

Kayashita-san: Personalmente, mi sono divertito a piantare nuove piantine (giovani cespugli di tè). Abbiamo piantato di nuovo cultivar e la mia speranza è di aumentare i diversi tipi di cultivar. Prima, la maggior parte dei nostri cespugli di tè erano Yabukita (che è tipico in Giappone) e un po' della cultivar Zairai. Tuttavia, questo è diventato un po' poco eccitante per me e quindi al momento, mi piacerebbe davvero piantare nuove cultivar in sostituzione della Yabukita. Questo è ciò che mi intriga di più adesso.

 

Moè: È qualcosa di nuovo. Come bevitore di tè, ho cercato di esplorare anche al di fuori della cultivar Yabukita. Quante cultivar hai nella tua fattoria in questo momento? 

 

Kayashita-san: I nostri numeri sono in costante aumento. Finora ho piantato circa 9 tipi diversi. 

 

Moè: Beh, non sono un esperto dei diversi tipi di cultivar di tè... ma immagino che tu sia in grado di osservare sottili differenze tra le cultivar? 


Kayashita-san: Sì, questo è ciò che mi interessa. A causa delle diverse cultivar, sto preparando lo stesso tipo di tè allo stesso modo (cioè kamairicha essiccato al sole) ma osservo e noto le differenze. Oltre a piantare le diverse cultivar, direi che un altro compito che mi piace è la raccolta manuale del tè. Trovo divertente il processo di preparazione del tè che selezioniamo a mano.

 

Tea Farm Mitocha che pianta nuove cultivarPiantare la cultivar Ujihikari.  

 

Moè: Hai detto all'inizio del nostro tempo oggi che sei di Osaka. C'è stato un motivo specifico per cui hai scelto Yamazoe nella prefettura di Nara come luogo in cui avresti iniziato a coltivare? 

 

Kayashita-san: Non ero molto esigente in realtà, ma poiché ho fatto il mio addestramento in fattoria a Nara, sono stato presentato a Yamazoe attraverso le connessioni che avevo lì. 

 

Moè: Capisco… E sul terreno in cui hai iniziato il tuo lavoro agricolo, c'erano già dei campi di tè o hai dovuto ricominciare da capo? 

 

Kayashita-san: In alcune zone esistevano già dei campi da tè, ma in generale, i luoghi che permettono di affittare terreni, non sono in ottime condizioni. Anche ora, c'è un numero crescente di coltivatori di tè che stanno abbandonando il lavoro di coltivazione del tè, ma questi campi sono in condizioni piuttosto povere. Sai, come se ci fossero più erbacce che cespugli di tè. In queste condizioni, abbiamo semplicemente iniziato il lavoro di diserbo. 

 

Moè: Sì, ho sperimentato questo tipo di diserbo in Wazuka quando davo una mano in un campo di lavoro internazionale basato sulla coltivazione del tè. Quindi posso immaginare in che tipo di condizioni hai iniziato... E questo lavoro di diserbo, l'hai fatto tutto da solo e con il tuo partner? 

 

Kayashita-san: Sì, abbiamo estirpato da soli. Direi che era circa la metà e la metà. Cioè, i campi che erano in condizioni decenti e quelli che erano stati abbandonati. Con il primo, abbiamo appena iniziato ad affittare la terra e ad utilizzare subito i campi di tè. Con quest'ultimo, abbiamo deciso di ripulire tutto e ricominciare da capo, piantando giovani cespugli di tè. 

 

Moè: Degno di nota! Deve aver richiesto molta determinazione e duro lavoro tra voi due. E c'è qualcosa di speciale che fai rispetto al tuo sistema di coltivazione nella tua piantagione di tè? 


Kayashita-san: In generale, coltiviamo il nostro tè e produciamo, organicamente, senza l'uso di prodotti chimici o fertilizzanti. Tuttavia, quando piantiamo un giovane cespuglio di tè, durante i primi anni possiamo utilizzare fertilizzanti a base vegetale. Usiamo foglie cadute e tagliamo anche la kaya (un tipo di pianta di riso) e l'erba di bambù nell'area circostante e la mettiamo a strati sopra gli spazi intermedi tra i cespugli di tè e simili.

 

Moè: Cambiando un po' rotta sul tema del cambiamento climatico, il riscaldamento globale continua ad essere un problema in corso e pressante. Essendo circondato dalla natura di Yamazoe e facendo lavori agricoli giorno per giorno, hai notato dei cambiamenti? 

 

Kayashita-san: Sono passati 13 anni da quando ho iniziato a coltivare (compresi gli anni in cui ho fatto la mia formazione) tuttavia, ho notato sempre di più che il clima in Giappone sta diventando tropicale, quasi come il sud-est asiatico. Ho l'impressione che ci siano stati molti più temporali e cambiamenti improvvisi. E chiaramente, fa molto più caldo in questi giorni. Prima non era così caldo. 

 

Moè: Oltre ai notevoli cambiamenti di clima e temperatura, diresti che non ci sono stati impatti enormi sulla coltivazione del tè? 


Kayashita-san: Direi di sì, il tè come raccolto non è fortemente influenzato in Giappone.

  Un'istantanea che ritrae una scena quotidiana di Yamazoe.  

 

Visioni per il futuro e messaggi

Moè: Prima di chiudere la nostra intervista con te oggi, volevo toccare le tue visioni per il futuro. Mi chiedevo se hai una visione specifica per Tea Farm Mitocha - per il futuro della coltivazione del tè o per l'agricoltura in generale. Cioè, tra 10 anni se potessi vedere un modo di coltivare il tè che sarebbe il tuo ideale, come sarebbe?

 

Kayashita-san:  In questo momento il nostro obiettivo centrale è preparare il tradizionale Kumano bancha, il kamairicha essiccato al sole. E poiché la nostra fabbrica di lavorazione del tè è su piccola scala senza molto spazio, siamo piuttosto limitati in ciò che siamo in grado di fare. Tuttavia, in futuro, vorrei espandere la nostra fabbrica di tè. Quindi, potremmo allestire linee per produrre diversi tipi di tè come l'oolong e il tè nero giapponese. Vorrei anche avere uno spazio per il ichoka maglieria (cioè, un processo in cui le foglie di tè raccolte vengono appassite per migliorare il loro profumo). E come ho detto prima, vorrei continuare a sostituire le nostre cultivar Yabukita con diverse cultivar che hanno un po' di carattere, come quelle che sono adatte per fare il tè oolong o cultivar specifiche per il tè nero giapponese. La mia intenzione è di sforzarmi di fare tè che abbiano personalità e sapore. 

 

Tenbiboshi KamairichaTutti i kamairicha essiccati al sole di Tea Farm Mitocha vengono lavorati in modo simile, ma le differenze nella cultivar, nella tecnica di raccolta e nella manipolazione risultano nelle differenze che puoi vedere sopra.

 

Moè:  Sembra tutto rinfrescante e innovativo. Soprattutto perché quando si pensa al tè giapponese, sento che c'è un'immagine così dominante del sencha e della cultivar Yabukita...  

 

Kayashita-san: Bene, penso anche che sia un bene. Ma ci sono così tanti coltivatori anziani là fuori che sono tutti esperti nella produzione di questi tipi più tipici di tè giapponese. Hanno un'esperienza e una conoscenza abbondanti e quindi, per me, personalmente vorrei aprire una strada diversa. Prepara tè fuori dalla norma. 

 

Moè:  Mi hai decisamente incuriosito riguardo al kamairicha essiccato al sole, soprattutto perché sono un fan del kamairicha. Per chiudere il nostro tempo insieme oggi, c'è qualcos'altro che vorresti forse dire ai clienti di? Yunomi? O alle persone che bevono/berranno il tuo tè? 

 

Kayashita-san: Il kamairicha essiccato al sole è un tè di minoranza molto raro. È un tè locale, quindi mi piacerebbe che le persone scoprissero la presenza di tali tè. Questo mi renderebbe felice. Per loro di conoscere la cultura bancha in Giappone. In particolare, i banchas che sono specifici di una regione… Ad esempio, il awabancha dalla prefettura di Tokushima ne è un esempio. Il kamairicha essiccato al sole è un tipo di tè che è stato a lungo prodotto nella zona di Kumano (prefettura di Wakayama), è radicato nella cultura del tè di questa regione e anche nella terra. Se le persone possono scoprire e prendere coscienza di una tale cultura, ne sarei felice. 

 

Moè:  vorrei tgrazie mille per il tuo tempo oggi, Kayashita-san. Sento di avere un nuovo apprezzamento per i tè popolari tradizionali e per il loro significato. Non vedo l'ora di provare il tuo tè nel prossimo futuro! 

 

Tenbiboshi Kamairicha - Fattoria del tè MitochaUn tè semplice ma confortante, il kamairicha essiccato al sole di Tea Farm Mitocha.

 

Questa intervista è stata fatta il 6 agosto 2021 in giapponese. È stato tradotto in inglese. Tutte le foto sono state fornite da Tea Farm Mitocha. Scopri di più su Tea Farm Mitocha sulla loro prossima pagina di raccolta su Yunomi e aspettiamo i loro tè! Puoi anche seguire il loro Conto Instagram.

Immagine in primo piano; Yuuki Kayashita nei campi di tè di Tea Farm Mitocha a Yamazoe, nella prefettura di Nara.



 

Tè popolareKamairichaKumanoMoe kishidaNaraNuovo coltivatore di tèBancha Regional regionaleKamairicha essiccato al soleCultivar di tèMitocha della fattoria del tèIntervista al coltivatore di tèTenbiboshi kamairichaYamazoe

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati