Luogo di nascita del tè verde giapponese - Ujitawara

Ciao! Genki-desuka (元 気 で す か? Come stai, in giapponese)? 

 

Soprattutto durante questi tempi strani, speriamo che tu stia trovando momenti della tua giornata per goderti una calda tazza di tè. Oggi torniamo a parlare di una delle principali regioni produttrici di tè nella regione di Kyoto. Ci toccheremo Ujitawara, una città a forma di cuore situato a sud-est delle città di Kyoto e Uji. Si pensa che Ujitawara sia il luogo di nascita del tè verde giapponese e una delle principali regioni produttrici di tè per Uji-cha. Hmm, ma se ci hai seguito con i post del blog delle principali regioni produttrici di tè in Giappone, potresti dire: "Ma ho pensato Ureshino a Kyushu è stato il luogo di nascita del tè giapponese? Bene, preparati a saperne di più e tuffati nella storia del tè giapponese! 

 

Storia della coltivazione del tè a Ujitawara

Come abbiamo trattato un po 'nel nostro posta su Uji, la coltivazione del tè a Ujitawara iniziò nel periodo Kamakura (1185-1333). Si dice che il discepolo di un famoso sacerdote, Myoe Shounin del Tempio di Kozanji, abbia ottenuto i semi dal monaco buddista zen Eisai, famoso per aver riportato i semi del tè a Kyoto da un viaggio in Cina alla fine del XII secolo. Myoe ha quindi introdotto il metodo di coltivazione del tè nel periodo Kamakura e ha piantato semi in vari luoghi nelle regioni di Uji e Kyoto. Si diceva che i primi semi di tè fossero stati piantati all'interno di Zona di Obukudani situato ai piedi del sacro monte. Jubu (Jubusan), con sede a Ujitawara. Molti torrenti scorrono dalla profonda valle della montagna sacra, il monte Jubu. Una di queste sono le cascate di Otaki a Yuyudani, che custodiscono anche una divinità dell'acqua. In questa regione, il 1 ° settembre, si tiene un rituale chiamato Festival Otaki Daimyojin per pregare per buone piogge e raccolto abbondante. La leggenda dice che il tè coltivato a Obukudani divenne molto popolare e fu elogiato dallo Shogunato e dalla Casa Imperiale per avere l'aroma più profondo.

 

Campi di tè nella famosa area di Obukudani a Ujitawara, foto di Nagatani Tea Factory

 

Soen Nagatani, il padre del sencha giapponese

Successivamente, durante il periodo Edo (intervallo 1603-1868) Soen Nagatani (1681 - 1778), un contadino del villaggio di Yuyutani, Ujitawarago, provincia di Yamashiro (attuale distretto di Yuyutani, Ujitwara-Cho, Tsuzuki-gun, prefettura di Kyoto), ha sviluppato un metodo innovativo di produzione del tè unico in Giappone, che avrebbe rivoluzionato il tè giapponese.

Nell'anno 1738, Soen Nagatani, dopo aver trascorso 15 anni a sperimentare i metodi di produzione del tè esistenti, come il metodo di tostatura kamairi e il metodo di produzione della tencha, ha presentato un nuovo metodo di lavorazione del tè. Nel nuovo metodo, le foglie di tè appena raccolte venivano cotte a vapore e poi faticosamente e abilmente impastate a mano  un appositamente costruito hoiro tavolo. UN hoiro è un tavolo robusto ricoperto di washi, la tradizionale carta giapponese, che trattata con succo di cachi diventa elastica e resistente. All'interno del tavolo c'era un'alcova dove venivano posti carboni caldi per mantenere la carta washi alla temperatura ideale, che è approssimativamente la temperatura corporea [1].  Il risultato è stato un sencha permeato di un rinfrescante colore verde, aroma e sapore. Il successo di Soen è acclamato per essere stato rivoluzionario poiché ha cambiato il tè marrone relativamente grezzo (bancha) che la gente comune beveva in un tè verde più accessibile e delizioso. Oggi, il sencha è più comunemente consumato in Giappone.  

Forse, cosa ancora più importante, si è recato a Edo (l'attuale Tokyo) e ha venduto il tè verde attraverso il canale di vendita di un commerciante di tè, Kahei Yamamoto, che in seguito ha aperto il rinomato Yamamotoyama Store. Questo ha segnato l'inizio di una lunga relazione tra le famiglie Nagatani e Yamamoto. Il tè di Soen è stato rapidamente annunciato come il "Il migliore in Giappone" e ha avuto un discreto successo. Da questo momento, il senjicha Il metodo (煎 じ 茶) per far bollire le foglie di tè è stato eclissato dal modo dashicha (だ し 茶) di preparare il tè, in cui le foglie di tè venivano messe in una teiera e poi immerse in acqua calda.

 

Foto scattata dalla Nagatani Tea Factory a Ujitawara

 

 

Questo metodo di produzione del tè introdotto da Soen Nagatani è noto come "Aosei Sencha Seiho (metodo del tè verde con lavorazione a vapore) " e funge da base del moderno tè verde giapponese. Successivamente, nel 1835 uno dei storie di origine di gyokuro afferma che la sesta generazione discendente di Kahei Yamamoto (che significa commerciante di tè di Yamamotoyama) si rese conto che il tè ombreggiato presenta più umami e adattò i metodi di cottura a vapore e rotolamento per produrre quello che ora conosciamo come gyokuro. Insieme, i metodi di produzione del tè di sencha e gyokuro sono stati indicati come Metodi di lavorazione del tè Uji-cha e si diffuse rapidamente in tutto il Giappone [2].

Durante il periodo Edo, il tè veniva preparato da coloro la cui professione era chiamata "maestro del tè" (茶 師; chashi), e il tè è stato preparato attraverso un processo di impastamento a mano come in Soen's Aosei Sencha Seiho metodo. Nell'era Meji, a causa dell'aumento della domanda di tè, furono inventate e sviluppate macchine per la produzione di tè. Attraverso il miglioramento continuo, oggi, la maggior parte dei tè viene prodotta dalle macchine. Tuttavia, il fondamento di queste macchine risiede nel processo di impastamento a mano. La tecnica dell'impastamento a mano di Soen è ancora praticata oggi, come un modo per preservare la tradizione, e ci sono anche gare di laminazione a mano! Se hai l'opportunità di assaggiare il tè impastato a mano o, ancora meglio, di assistere a una dimostrazione dell'impasto a mano del tè, sarà sicuramente utile percepire la passione delle persone che mettono energia nel tè durante il lungo processo di impasto [3]! 

 

                   Foto del processo di impastatura a mano oggi scattata dalla Nishide Tea Factory


 

Sebbene sia vero che il distretto di Uji e molti libri di storia del tè riconoscono che Soen Nagatani è l'unico inventore di questo metodo di cottura a vapore per la produzione di sencha, è importante notare che alla fine del XVI secolo il tè veniva prodotto con metodi diversi in tutto il mondo. Giappone. Quindi, è molto probabile che numerosi coltivatori di tè e commercianti stessero contemporaneamente sperimentando foglie cotte a vapore o bollite, quindi essiccate con la luce solare o utilizzando un hoiro, sebbene nei primi tempi moderni sia stato aggiunto il processo di accartocciamento. Insomma, il metodo di produzione del tè è stato continuamente migliorato e forse non dovrebbe essere attribuito al lavoro di una sola persona.

 

Portare il tè Ujitawara a Edo, costruire una comunità del tè

Sebbene sia molto probabile che Soen Nagatani non sia stato l'unico inventore del "Aoseisencha Seiho"Metodo di produzione del tè, merita di essere riconosciuto come il padre e creatore del sencha giapponese. Questo perché Soen ha aperto la strada alla vendita diretta del tè Ujitawara a Edo (cioè l'attuale Tokyo). Cioè, ha contribuito a portare il tè Uji alla principale popolazione di consumatori in quel momento, il che ha contribuito a stabilire le basi per le vendite a livello nazionale e il networking per il tè. Inoltre, si dice che Soen non avesse riserve nell'insegnare e condividere questo metodo Aoiseisencha Seiho a coloro che hanno visitato la sua casa. Così, persone provenienti da tutto il Giappone sono venute ad apprendere questo nuovo metodo per preparare il tè. 

In effetti, a causa della popolarità del sencha di Soen nell'era Edo, il distretto di Yuyadani (a Ujitawara) iniziò a crescere e prosperare come comunità di coltivatori e grossisti di sencha. Sebbene Yuyudani si trovi in ​​una valle piuttosto ripida, l'area divenne vivace con grandi negozi all'ingrosso di tè ed era popolata da coltivatori di tè. Il luogo di nascita di Soen Nagatani (situato a Yuyudani) da allora è stato restaurato e riconosciuto come patrimonio nazionale, sito insieme ai paesaggi stradali, alle piantagioni di tè e ai coltivatori di tè di Yuyudani (aprile 2015). Se sei appassionato di tè e storia giapponese, Ujitawara merita sicuramente una visita, soprattutto perché la casa di Soen è aperta al pubblico e si può persino vedere il hoiro si dice che Soen abbia usato!

 

Scopri il tè di Ujitawara su Yunomi: 

Ora che hai imparato un po 'di più sulla storia di Ujitawara e sulla produzione del tè, potresti apprezzare ancora di più i tè di questa regione del Giappone! Ecco alcune delle raffinate fabbriche di tè di questa rinomata regione: 

  • Fabbrica di tè Nishide: Fondata oltre 140 anni fa, questa fabbrica di tè è gestita da marito e moglie Takashi e Atsuko NIshide e dalla loro famiglia. La gente di Nishide compra aracha (foglie di tè non raffinate) dalle piantagioni di tè di Kyoto e prefetture circostanti, quindi le raffina ulteriormente per creare foglie di tè di alta qualità che sono uniformi nel colore e nella forma e, naturalmente, eccellenti nel sapore! 
  • Fabbrica di tè Nagatani: La famiglia Nagatani ha sede a Ujitawara da oltre 120 anni. Hanno campi di tè in tutta la regione di Ujitawara, inclusa la famosa area di Ohbukudani dove Myoen deve aver piantato uno dei primissimi semi di tè a Kyoto. La famiglia Nagatani ha una propria fabbrica di lavorazione del tè in cui lavora Uji-cha di alta qualità. Puoi catturare bellissime foto dal loro lavoro di tè attraverso il loro Pagina Instagram 

 

                       Serpente in cima ai campi di tè di Obukutani, foto di Nagatani Tea Factory

     

     Referenze 

    1. Elaborazione del tè giapponese. Global Japanese Tea Association: https://gjtea.org/info/japanese-tea-information/japanese-tea-processing/
    2. Associazione degli istruttori NPO Nihoncha (2008). Nihoncha-no-subete-ga- wakaru-hon. Capire tutto sul tè giapponese. Tokyo, Giappone.
    3. Tamura, H. giugno 2018. Sencha-no-seizou-ha-temomi-ga-kihon. Il fondamento della lavorazione del sencha è l'impasto manuale. Estratto da: http://www.naro.affrc.go.jp/publicity_report/publication/files/Fruit_Tea_Times_No8.pdf

     

    Credito immagine banner:  Fabbrica di tè Nagatani; campi di tè in Obukudani, Ujitawara, Giappone. 

    50 principali aree di produzione di tè in GiapponeMoe kishidaFabbrica di tè NagataniFabbrica di tè NishideSenchaSoen nagataniUjitawara

    Lascia un commento

    Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati