Yancha: intervista a Yancy Lever, un coltivatore di tè americano

Oggi condividiamo con voi la nostra intervista a Yancy Lever, una coltivatrice di tè americana che risiede nel villaggio di Otoyo, nella prefettura di Kochi. Yancy è relativamente nuovo nel mondo del tè giapponese con tre stagioni di raccolta del tè alle spalle, ma durante questo breve periodo ha contribuito a far rivivere il villaggio rurale di montagna di Otoyo e Aruse (prefettura di Tokushima) dove si trova la sua fattoria di tè. Ha in programma progetti entusiasmanti nella sua base di origine in Giappone con la sua compagna e moglie Azusa-san e la famiglia in crescita. Per favore, goditi questa intervista mentre condivide con noi la sua storia di come è diventato un coltivatore di tè! 

 

 

 

Moè: Innanzitutto, vorrei iniziare ringraziandoti per aver dedicato del tempo oggi per fare questa intervista con noi. So che Ian-san (Ian Chun) ti ha già intervistato tramite Instagram circa un anno fa, quindi potrebbe esserci qualche sovrapposizione tra le domande, ma ho pensato che sarebbe stato bello avere un'intervista da un coltivatore di tè come te (cioè, non giapponesi) sotto forma di post di blog in modo che le persone possano accedervi in ​​forma scritta. Quindi, sei originario degli Stati Uniti, è corretto? 

Yance: Sì, Sono cresciuto nello stato di Washington, dall'altra parte dell'acqua rispetto a Seattle. E prima di trasferirmi in Giappone, ho vissuto in Colorado per circa quattro anni. 

Moè: Bene, immagino che mi tufferò direttamente per chiedere --- sono curioso di sentire la tua storia riguardo a come sei finito come coltivatore di tè in Giappone? 

Yance: Nel 2015 sono andato con lo zaino in spalla, solo in viaggio. Sono andato in Messico e non avevo molti piani. E ho finito per viaggiare con tre persone provenienti da diverse parti del mondo. E una di quelle ragazze era una ragazza giapponese. E così, alla fine, abbiamo viaggiato insieme in Ecuador per sette mesi. E in fondo ci siamo innamorati. Sono tornato negli Stati Uniti per la prima volta perché ho speso tutti i miei soldi viaggiando. Ho lavorato per circa tre mesi e poi mi sono trasferito in Giappone. E il Giappone non era proprio qualcosa a cui avevo pensato prima, ero principalmente interessato a viaggi economici e viaggi economici. Non sapevo nulla del Giappone, ma la mia ragazza all'epoca mi stava solo dicendo che aveva una pensione in montagna e faceva rafting. Quindi sono appena arrivato qui e poi ho finito per lavorare per un coltivatore di tè che si occupava della raccolta e del taglio del tè e del lavoro di taglio dell'erba. Non avevo nessun altro vero lavoro. Stavo solo facendo un lavoro part-time... hmm, parli giapponese? 

Moè: Sì... Anche se temo che sia arrugginito, soprattutto ora con il Covid ed essendo in Francia senza avere molti collegamenti giapponesi nelle mie vicinanze. Ma dopotutto, sono giapponese. 

Yance: A volte, non lo so. Non parlo solo inglese. 

Moè: Oh, puoi mescolare la lingua se questo aiuta. Codice mix tutto il tempo. 

Yance: Fantastico, stavo per dire arubato (parte time). Comunque, stavo solo lavorando per questo coltivatore di tè. E non c'è un lot dei giovani dove vivo (*Dato che non ci sono molti giovani a Otoyo, un giovane ha circa 65 anni). Quindi sono diventato un tipo di riferimento quando volevano che qualcuno venisse ad aiutare nella fattoria. E mi ha appena portato in quest'altra fattoria che era stata abbandonata per circa tre anni e ha detto: 

“Sì, hai bisogno di un lavoro! Quindi, se vuoi, puoi tagliare questo tè e tornerà indietro. E poi, puoi iniziare a coltivare su questa proprietà". 

All'epoca c'era una donna che viveva nella casa della proprietà ma non ci abita più, quindi è un akiya (casa abbandonata). So comunque, non avevo altre cose super importanti da fare, quindi ho tagliato il tè molto corto e poi è tornato solo l'anno successivo. Cioè, potrei raccogliere l'anno successivo. 

Moè: Non male! 

Yance: Quindi ho ricevuto quella fattoria e poi un'altra fattoria in cui le persone l'hanno gestita fino a quando non hanno deciso che non volevano più farlo. Quindi la seconda fattoria del tè era in condizioni molto migliori. L'anno scorso il mio raccolto è stato maggiore. 

Moè: Quindi hai ricevuto queste fattorie di tè che sono state abbandonate. E tu sei nel villaggio di Otoya, nella prefettura di Kochi? 

Yance: No, Otoyo. 

Moè: Scusa, Otoyo. Non conosco quella particolare regione. 

Yance: hai ape?n in Shikoku (Una delle cinque isole principali del Giappone)?

Moè: Sì, beh, solo per brevi viaggi. Sono stato nella prefettura di Ehime, principalmente per guidare il Pista ciclabile Shimanami Kaido e ho anche trascorso una settimana circa in un villaggio rurale chiamato Hoichi nella prefettura di Tokushima per dare una mano in un evento teatrale della comunità rurale

Yance: Oh! Quindi la mia fattoria è proprio al confine tra le prefetture Kochi e Tokushima. In realtà la mia fattoria è a Tokushima. 

Moè:  Capisco, e posso chiederti se tutte queste interazioni stanno avvenendo in giapponese? 

Yance: Sì, più o meno. Il mio giapponese non è così eccezionale. Comunque sono migliorato molto. L'ho raccolto. Quindi, ho appena iniziato a coltivare il tè. E praticamente guardando quello che fanno tutti gli altri. E poi fare la stessa cosa. Taglio il tè due volte all'anno e poi faccio solo un raccolto. 

Moè: Quindi solo il ichibancha (primo flusso) raccolto? 

Yance: Sì.

Moè: E tu eri interessato al tè giapponese prima di trasferirti a Kochi? O era qualcosa in cui sei caduto? 

Yance: Questo era solo qualcosa in cui sono caduto. Penso che forse prima di trasferirmi in Giappone, non so se avevo mai bevuto tè verde [risata]. Sai, non mi sono mosso con una sorta di passione per il tè, per niente. Mi è piaciuto il lavoro. Mi piacevano le persone che facevano il lavoro. Era qualcosa da fare, era interessante. Ed è stato divertente e appagante costruire questa piccola attività di tè con mia moglie. 

Moè: Molto carino, ho notato che sei abbastanza nuovo in Yunomi luogo. Potresti ricordarmi da quanto tempo coltivi il tè? 

Yance: Per circa quattro anni e ho fatto tre raccolti di tè. Questo è forse il primo anno, o forse il secondo anno in cui ho iniziato a vendere il tè Yunomi. 

Moè: Non abbiamo mai intervistato un coltivatore di tè non giapponese prima d'ora... Potresti condividere con noi alcune delle sfide che hai incontrato, se ce ne sono state? 

Yance: Tipo dall'essere straniero?

Moè: It potrebbe essere sì, dall'essere straniero. Ma sarei anche disponibile a conoscere eventuali ulteriori sfide che un nuovo coltivatore di tè potrebbe affrontare. 

Yance: Per me, tla sfida nella coltivazione del tè è fare soldi [risata]. Quindi, la maggior parte delle piccole aziende produttrici di tè lavora il tè nella propria fabbrica. Hanno una fabbrica vicino alla loro fattoria o una loro. Ma non ho tutte le attrezzature per la fabbrica del tè. E non possiedo una fabbrica di tè. Quindi finisco per pagare una grande fabbrica di tè che lavora molti tè di piccoli coltivatori di tè. Alla fine spendo per la fabbrica circa un terzo di quello che vale tutto il tè. E poi un altro terzo va nel fertilizzante, tutto il arubato persone (lavoratori part-time), e la confezione. Faccio una bella confezione… ha una chiusura lampo e un pacco più spesso. Una volta che tutti i soldi vanno nel business, è difficile guadagnare molto. E poi vendere il tè è in realtà anche una sorta di sfida in Giappone. 

 

Yancha - Yancy Lever Teapagina di pagamento La bella confezione del tè di Yancha! 

 

Moè: Immagino… 

Yance: Vendo tè al mercato di un contadino a Kochi. Quindi, ci sono casi in cui vendo molto tè, ma è difficile. E ci vuole molto tempo. direi di fare forse 500yen (circa $ 4.40) un'ora o meno quando è stato fatto tutto. Ma immagino che se non fosse così, allora la gente non darebbe via le fattorie del tè [risata]. Se sei a Kyoto o hai una fattoria più grande, immagino? è più facile. Alcuni coltivatori di tè hanno un sistema molto migliore, un sistema più redditizio rispetto a quello che ho qui. E anche trovare lavoratori è difficile. Non ci sono molti giovani. Le persone anziane qui sono piuttosto impegnate a fare le proprie cose. Hanno le loro fattorie. Quindi non sono molto interessati a venire nella mia fattoria per tagliare il tè, anche se verranno nella mia fattoria se chiedo loro di dare una mano.

 

Yancy Lever - mercato contadino KochiYancy vende i suoi tè al mercato contadino di Kochi (Nichi yo ichi) la domenica. 24 ottobre 2020. 

 

Moè: Quindi, queste sarebbero le sfide che derivano dal vivere nel Giappone rurale, giusto? 

Yance: Sì. Ma credo un aspetto positivo dell'essere straniero, però, è che forse è più facile vendere il tè. Perché catturo l'attenzione della gente. Sai, sono l'unico bianco che vende qualcosa. C'è un altro straniero che ha un chiosco di verdure ma è un mercato domenicale davvero grande e le persone mi passano davanti e mi guardano e se ne vanno, 

"Che cosa!? Un bianco vende tè???” e poi mi chiedono sempre, 

"Stai coltivando questo tè?" 

E io dico loro: "Sì, sono un coltivatore di tè". 

La loro risposta è sulla falsariga di "Cosa!?!?!, un coltivatore di tè!?" (cioè con stupore). 

E in questo modo, per me è più facile vendere il tè. 

Moè: Riesco quasi a visualizzare lo scenario [risata]... ma probabilmente vogliono solo supportarti o sono semplicemente curiosi di provare i tuoi tè! 

 

Intervista a Yancy Lever - Moe Kishida

Istantanea del mondo Zoom - Sebbene il Covid abbia reso i viaggi più impegnativi, siamo anche grati di poter intervistare i nostri coltivatori di tè in questo tipo di formato. Questa intervista mi ha ispirato a visitare il villaggio del tè di Yancy e la futura pensione. Spero di potercela fare di persona in un prossimo futuro!

 

Moè [continua]: So che ci sono tè popolari tradizionali nell'area di Shikoku. Come il goishicha, anche se purtroppo non ho ancora provato questo tè. 

Yance: In realtà, il goishicha è da dove vivo io. Dal villaggio di Otoyo. La principale fattoria dei goishicha è proprio in fondo alla mia strada...

Moè: Oh, è molto carino! Ma fai solo il tipico tè giapponese come sencha e hojicha? Non il goishicha? 

Yance: Non ho fatto tè fermentati. Quindi faccio sencha. Il sencha che ha anche tutto il materiale dello stelo. Poi, faccio il tokusen sencha (premium sencha Yabukita cultivar), che ha i gambi più piccoli selezionati. E quando prendo le bustine di tè allo stelo, preparo l'hojicha. Stavo anche comprando bancha dal contadino per cui lavoravo e producendo hojicha e traendone profitto. E ho ricevuto recensioni piuttosto buone del mio hojicha. 

Moè: Quindi diresti che il tuo hojicha è il tè che consiglieresti ai clienti di? Yunomi? 

Yance: Immagino che non saprei davvero... Ma il mio hojicha è unico perché lo arrostisco su un "baisenki” (macchina per la torrefazione). E lo faccio sul carbone che ho fatto. Quindi ho fatto il mio carbone e poi ho solo una rosticceria, penso che si chiami a baisenki. E lo giro a mano, ed è tutto fatto al tatto. Ci sono due fori su ciascuna estremità e poi quando il fumo inizia a uscire un po', di solito aspetto circa 2-3 minuti e lo tiro fuori. E poi farò un altro lotto. Quindi è proprio come un hojicha arrostito lentamente. Penso che quello che ho mandato a Ian fosse un arrosto più leggero. Quindi ricevo sempre ottime recensioni sull'hojicha ed è un po' unico perché lo faccio a mano ed è gustoso. Penso che cambi sempre anche un po'. A volte, lo faccio dal ”kuki” (gambi) e poi a volte lo faccio da “Bancha”. E poi, se non vendo tutto il mio Sencha quest'anno, allora trasformerò il sencha di quest'anno in un hojicha.  

Moè: Quanto tempo impiega il processo di tostatura, quando lo fai arrostire a mano?

Yance: Posso fare circa 500 g in una volta. Di solito sono come 13 minuti quando sto cronometrando. Per fare 500g e poi lo verso in un contenitore. E poi ho messo altri 500 g. E lo faccio sempre in una giornata di pioggia. Se non posso lavorare, se non posso fare nulla alla fattoria, o il mio lavoro viene annullato per la pioggia molto spesso. Quindi di solito è durante la stagione delle piogge. Mi dico, okay, ho un giorno. Posso sedermi a casa. Quindi girerò questa rosticceria sul carbone, ascolterò musica e farò l'hojicha oggi [risata]. Di solito passo una giornata a preparare hojicha. Mi ci vogliono un totale di 5-6 ore e di solito faccio solo lotti da 4-6 kg. Non è molto. E poi, di solito vendo l'hojicha abbastanza velocemente e poi avrò bisogno di farne di più.

 

Il futuro di Yancha - Guest House che ruota intorno al tè

Moè: Quindi hai menzionato questa sfida per trarre profitto dal tè. Ti immagini di continuare a coltivare il tè in futuro? 

Yance: Sì, continuerò a fare il tè e coltivare il tè. Quindi, ho detto prima che gestivamo una guest house fuori dalla casa in cui viviamo. E abbiamo chiuso la guest house circa due anni fa. Penso che da due anni non prendiamo clienti, solo perché ora abbiamo due figlie. Il modo in cui l'abbiamo impostato è che in questo momento, sono in a tatami Camera [Yancy mi mostra lo spazio intorno a lui], questo era il lato della guest house. È un "kominka”, una casa davvero antica. Aveva un tetto d'erba quando l'ho comprato. È stata davvero una buona sistemazione per due persone, una coppia o una persona sola per avere una guest house. Ma quando hai due figlie, siamo solo troppo occupati. Sto lavorando e poi dopo che prendiamo i bambini da hoikuen (asilo) è ora di cena e diventa troppo rumoroso. È rumoroso, quindi non abbiamo gestito la guest house per questo motivo. Ma di recente abbiamo trovato una nuova casa in fondo alla strada. Quindi riapriremo la guest house e stiamo anche lavorando su altri piani per piccole imprese che si adattano a tutto il tè. Voglio fare tour in bicicletta a Otoyo. 

Moè: Oh, tour in bicicletta e tè! Questo mi farebbe sicuramente venire voglia di visitare... 

Yance: Sì, abbiamo tutte queste bellissime strade panoramiche di montagna con pochissimo traffico. E stiamo lavorando per aprire un'attività di cicloturismo e poi riaprire questa guest house. Ciò rende la vendita del tè molto più semplice se hai altri clienti che passano attraverso la tua attività. Ogni volta che stavamo facendo la guest house, mi sedevo nel "irorioStanza "(tradizionale giapponese con focolare sommerso) chiacchierare con i clienti, bere il tè. E quasi sempre vendono un paio di bustine di tè. Quindi continuerò a provare per un po'. 

Moè: Sembra un piano entusiasmante. Quindi, se avessi una visione di te stesso tra 5 o 10 anni, diresti che ruoterebbe attorno a questa guest house ma che la coltivazione del tè sarebbe in qualche modo la componente centrale? 

Yance: La pensione, l'attività di cicloturismo e anche l'agricoltura e la vendita di tè. Mi piace fare il mio lavoro quando posso. Mi sono divertito per circa i primi 3-4 anni in cui ho vissuto in Giappone, stavo solo facendo diverse cose da tuttofare, tagliare l'erba, solo aiutare le persone nel mio villaggio. E poi, poco più di un anno fa, ho iniziato a lavorare per un'impresa edile. Ma sai, ho piani diversi. Quindi il mio piano quinquennale non prevede il lavoro per un'impresa edile [risata].  

 

Soba, Yuzu, Shumi a Yancha

Yancha - Fiori di Soba che sboccianoSoba fiori in piena fioritura 

 

Moè: Spostando le marce dalle visioni future alle attività attuali, immagino, nella tua vita quotidiana, ho visto che nella tua fattoria fai anche prodotti da tè non correlati. Come soba e yuzu? 

Yance: Sì! Quindi coltiviamo soba, è solo un bel raccolto di copertura da piantare in estate. Cresce e ha fiori piuttosto belli, e poi raccogliamo i semi in autunno. Tagliamo tutte le piante, le appendiamo e le asciughiamo. Verso la fine di dicembre scuoterò tutti i semi dai gambi e poi avrò un mulino per macinare la soba, e avremo toshikoshi soba! (*I noodles Soba che vengono consumati specificamente a Capodanno per augurare longevità e salute per il prossimo anno). 

Moè: Molto bello, quindi fai i tuoi spaghetti di soba?

Yance: Beh, non siamo abbastanza bravi a fare i noodles... Facciamo i nostri sobako (farina di grano saraceno) e la usiamo per fare le frittelle e simili, ma noi non siamo molto bravi a fare i noodles [risata]. E poi la casa è arrivata con alcuni alberi di limone yuzu, 6-7 alberi. Ne ho piantati altri 10 e poi penso che 8, o 6 di loro sono morti... perché ho messo troppo fertilizzante. 

 

Yancha - Yuzu funzionaYuzu raccoglie e lavora con una delle sue figlie, 2 novembre 2020. 

 

Moè: Oh no ... Ma Shikoku deve essere un ottimo posto per gli alberi di agrumi. Bene, noi giapponesi sappiamo che la prefettura di Ehime è molto nota per la sua mikan per esempio. 

Yance: Sì, ne abbiamo molti mikan e diversi tipi di agrumi. 

Moè: Quindi, diresti che questi sono tutti progetti collaterali intorno al tè? 

Yance: Sono solo "Shumio” (hobby).  

Moè: [Risata] Bene. Ebbene, le piccole delizie sono sempre belle da mantenere nella vita di tutti i giorni. 

Yance: Proprio come abbiamo i polli. Hanno appena iniziato a deporre le uova. Li ho presi lo scorso febbraio, credo. Stavo pensando, mangerò questi polli. E poi sono tornato a casa quattro giorni dopo e avevamo tipo quattro uova e cacca di pollo [risata]. Abbiamo anche fatto i mirtilli. In questo momento abbiamo piantato 7 piante di mirtillo che abbiamo iniziato a fare circa tre anni fa e ne abbiamo altre 8 in vaso proprio qui fuori che dobbiamo piantare tra un mese circa. E questo è anche potenzialmente qualcosa che possiamo collegare alla guest house. La gente paga per la raccolta del mikan, della mela, della zucca, ecc... quindi potrebbe essere solo una piccola cosa che possiamo fare in futuro. Quindi forse possiamo far uscire la gente la mattina e raccogliere i nostri mirtilli. Ma in realtà è solo un hobby. Tutti i miei progetti agricoli sono solo hobby tranne il tè. Voglio fare soldi con il tè. Tutto il resto è solo un hobby.  

 

Cambiamento climatico e Aruse (Villaggio del tè) 

Moè: Quindi nelle nostre interviste ai coltivatori di tè attraverso Yunomi, ci siamo interrogati sugli effetti del cambiamento climatico sulla coltivazione del tè. So che coltivi il tè da un periodo di tempo più breve, ma ero curioso di chiederti se hai notato delle influenze del cambiamento climatico sulla coltivazione del tè su base quotidiana, o se questo è un argomento che consideri come coltivatore di tè? 

Yance: In realtà non ne saprei niente. Non lo faccio abbastanza a lungo. E penso che nessuno me l'abbia mai detto. Sai, tutti gli altri coltivatori di tè. Dov'è la mia fattoria del tè, è un villaggio del tè. Quasi tutti hanno, sai, qualche piccola o più grande piantagione di tè. Ma nessuno mi ha parlato del cambiamento climatico. Abbiamo avuto un problema due anni fa, in primavera. Dove è uscito il nuovo maggio. Il tè ha iniziato a crescere per ichibancha. E poi abbiamo avuto una notte di "Shimo” (gelo) e poi, “shimo yaketa”, così il gelo bruciò. La mia fattoria è stata piuttosto fortunata perché la mia fattoria del tè si trova più in basso nel villaggio. Quindi, in realtà, non è stato così male per me. Ma molti altri coltivatori di tè ottenevano circa la metà del loro normale raccolto/raccolto. 

Moè: E immagino che questo sia dovuto al fatto che dove si trova la tua fattoria del tè (Aruse, Prefettura di Tokushima) il gelo non è comune, giusto? Perché ho notato che forse nelle fattorie di tè soggette al gelo si vedono i fan della prevenzione del gelo. Quindi questo deve essere stato un anno atipico? 

Yance: Sì, era solo un po' strano. Abbiamo appena avuto questo colpo di freddo. Era caldo, caldo, caldo, e poi il tè è stato come "Ok! Stiamo arrivando!" e poi il tè sta crescendo costantemente e poi è successo il colpo di freddo. Non so se questo avesse qualcosa a che fare con il cambiamento climatico. Ma parte del cambiamento climatico è una sorta di modelli meteorologici più irregolari. Quindi potrebbe essere... ma sembra che questa non fosse la prima volta che succedeva qualcosa del genere, ma è piuttosto raro.

Moè: Capisco... beh, molti dei nostri coltivatori di tè hanno detto che il riscaldamento globale non sta evidentemente influenzando la loro coltivazione del tè a un livello acuto, ma su una scala temporale più lunga immagino che ci siano stati cambiamenti che sono stati avvertiti ma che stanno accadendo anche a livello macro -livello. Comunque, hai detto che la tua fattoria del tè si trova in un villaggio del tè. Diresti che c'è un senso di comunità? O le persone lavorano in modo più individuale? 

Yance: C'è totalmente un senso di comunità. Tutti si aiutano a vicenda nelle fattorie degli altri. Pranziamo tutti insieme ogni volta che raccogliamo il tè. Da queste parti per uno stipendio è "ichinichi ichimanyen” (un giorno di salario circa, $88.00) e poi il coltivatore di tè ti offre sempre il pranzo [risata] e poi alla fine della giornata di solito ti mandano a casa anche con un paio di birre. Quindi, mangiamo tutti e lavoriamo insieme. Beh, la maggior parte delle persone ha tra i 60 e i 70 anni. Una coppia per cui lavoro - hanno entrambi 85 anni e vado a tagliare il tè con loro, ma sono ancora in grado di farlo. 

Moè: Sì, sono spesso stupito dai vecchi coltivatori di tè in Giappone.

Yance: Quindi c'è una scuola abbandonata. Quindi dove vivo, il villaggio in cui vivo e dove coltivo il tè sono separati l'uno dall'altro. Nel villaggio del tè, Aruse, c'è una vecchia scuola abbandonata. Ma hanno trasformato la scuola abbandonata in una pensione. Quindi questo è un po' il loro progetto comunitario. Lo fanno tutti insieme. Penso che siano chiusi in questo momento a causa del coronavirus. Ma comunque, c'è un buon senso di comunità. Tutti si aiutano a vicenda nella coltivazione del tè, fanno soba insieme, cacciano insieme... È una comunità piuttosto buona.

 

Yancha - comunità di coltivatori di tèColtivatori di tè che si aiutano a vicenda. 

 

Moè: Oh, questo mi ricorda quando ero a Houichi (prefettura di Tokushima), c'erano campi di soba molto belli e dove alloggiavo, l'ospite ha dato al nostro gruppo la possibilità di mangiare solo carne selvatica come cinghiale e cervo [risata]… suona simile, anche se era più un villaggio di patate dolci. E cambiando un po' argomento, quando assumi i tuoi lavoratori part-time, è solo durante l'intenso periodo del raccolto? 

Yance: Sì. Quindi, nella mia fattoria del tè, ci vuole un giorno per la raccolta. Una giornata abbastanza piena. E di solito assumo circa 6 persone. Almeno 3 persone che possono far funzionare la macchina e poi ho bisogno di 3-4 persone che possano portare le buste piene di tè lungo la strada. La mia fattoria è un po' lontana dalla strada, quindi ho bisogno di assumere persone per questo. A parte questo, sono solo altre due volte all'anno in cui ho bisogno di un'altra persona. Solo per fare il "sentei” (taglio del cespuglio di tè)  in estate e anche in autunno. 3-4 settimane fa, ho fatto il mio cadere sentei e avevo solo bisogno di un'altra persona per quello.

Moè: E al di fuori di questi tempi, sei principalmente solo tu? Questo è monitorare e tenere traccia delle cose, fare tutto il lavoro di coltivazione del tè? 

Yance: Sì, sono principalmente io. Faccio tutto il taglio dell'erba, la raccolta delle erbacce e delle viti. Mia moglie ha aiutato quest'anno. È stato così bello! Ma è di nuovo incinta. Quindi, abbiamo un altro bambino in arrivo. 

Moè: Congratulazioni! 

Yance: Quindi avremo tre figli. È stato così bello lavorare insieme perché ero tipo, possiamo fare il tè sentei insieme. Ma non potrà farlo per un po' perché avrà un bambino.  

 

Yancha - Yancy Lever e Azusa-sanUna delle occasioni speciali in cui la moglie e compagna di Yancy, Azusa-san, è stata in grado di dare una mano con il lavoro di coltivazione del tè. 

 

Messaggio di Yancy Lever

Moè: Bene, sembra che tu abbia molto da aspettarti! E in sottofondo, sento che le tue figlie sono a casa. Quindi, vorrei concludere chiedendoti se c'è qualcos'altro che vorresti dire ai clienti di Yunomi o semplicemente, le persone che bevono il tuo tè, o qualcos'altro che vorresti comunicare? 

Yance: , se stai già bevendo il mio tè, grazie per averlo provato [risata]. Hmm, cosa voglio dire loro?... [pausa

Spero che tutti coloro che acquistano il mio tè si divertano e si sentano come se avessero ottenuto valore dal tè. Apprezzo molto ogni volta che le persone comprano il mio tè perché c'è molto lavoro da fare. È un bel modo per poter vendere il mio tè attraverso Yunomi. Quindi, per favore, goditi il ​​mio tè, immagino [risata]. E per aggiungere a ciò, immagino che molte delle mie confezioni di tè abbiano il mio codice QR di Instagram sul retro. Quindi dai un'occhiata il mio Instagram (yancha_boroya) e poi può essere divertente vedere tutte le cose legate all'agricoltura che stanno succedendo in Giappone. E anche se qualcuno dei clienti di Yunomi sono interessato a contattarmi e vogliono parlarmi di quello che sta succedendo nel Giappone rurale, non sono molto impegnato... Beh, sono occupato ma sarei felice di parlare con chiunque stia bevendo il mio tè o sia interessato a vivere a Shikoku/Giappone rurale. 

Moè: Potrei essere interessato a contattarti nel prossimo futuro riguardo alla vita nelle zone rurali del Giappone! Per ora, grazie ancora per il tuo tempo oggi e ti auguro buona fortuna mentre continui il tuo viaggio nella coltivazione del tè e continui a far crescere la tua attività con il tuo partner e la tua famiglia. Grazie mille per il tuo tempo e per aver condiviso la tua storia con noi oggi.  

 

Maggiori informazioni su Yancha: 

 

 Tutte le foto di questo post sul blog sono state fornite da Yancha.  

coltivatore di tè americanoMoe kishidaNuovo coltivatore di tèotoyoGiappone ruraleIntervista al coltivatore di tèYanchaLeva Yancy

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati