Mugicha, il sapore dell'estate in Giappone

Ciao, è l'ora legale! Spero che vi stiate godendo le giornate più lunghe e più luce, godendovi i fiori e i loro impollinatori in questo periodo dell'anno.

Nel mio ultimo post, ho evidenziato il grande tè sannen bancha che forse può essere pensato più come un tè invernale. Anche se, personalmente, lo trovo meraviglioso anche durante le altre stagioni. Ma oggi, dal momento che stiamo dando il benvenuto alle calde giornate estive a venire, illuminerò la luce mugicha (tè d'orzo), che è la classica bevanda estiva indispensabile nelle famiglie di tutto il Giappone. Crescendo, ricordo di avere sempre la mugicha pronta da bere nel frigorifero di casa. Quindi, in questo post, parlerò di cos'è il mugicha, racconterò la sua storia e condividerò con voi come il consumo di mugicha è cambiato nel tempo.  

Mugicha, tè d'orzo tostato

Mugicha significa semplicemente tè d'orzo in giapponese. L'orzo rientra nella famiglia del grano ma è diverso da quello che usiamo per fare il pane, la pasta, gli udon o le frittelle. L'orzo è un tipo di cereale che viene utilizzato come materia prima per realizzare prodotti come birra, miso e salsa di soia. Spesso non abbiamo familiarità con il mangiarlo come un cereale. Tuttavia, per gran parte della storia della civiltà, l'orzo è stato un alimento base primario poiché è più resistente alle basse temperature e alla siccità. Anche in Giappone, dove il riso è considerato l'alimento base, la gente in realtà mangiava l'orzo molto più del riso prima della guerra. 

segale, frumento e orzoL'orzo e la segale sembrano simili in quanto entrambi hanno piccoli peli appuntiti, chiamati awns che si estendono dai loro semi mentre il grano no. La foto a sinistra mostra un campo d'orzo in Giappone (foto di Nabeshima Meicha) e la foto a destra mostra un campo misto di segale e grano che abbiamo recentemente visitato in Francia e che viene raccolto per il pane (foto di Jimmy Burridge). 

 

Il mugicha si ottiene tostando e poi facendo bollire l'orzo. Rispetto alla cottura del tè direttamente nelle padelle (come il metodo kamairi), il metodo tradizionale prevedeva la torrefazione con sabbia, un processo che richiede tempo e fatica. Riscaldando la sabbia, era possibile arrostire lentamente l'orzo in kama per ottenere un aroma ricco ed evitare che si bruciasse. Con la tostatura a sabbia, il fuoco non diventerebbe troppo forte, preservando così l'umami e la dolcezza del tè. Al giorno d'oggi, può essere piuttosto raro trovare mugicha fatto con questo metodo, ma è possibile! 

Grano saraceno arrostoorzo tostato; foto da Nabeshima Meicha.  

 

Breve storia di mugicha

In Giappone, arrostire l'orzo e trasformarlo in bevanda è un'usanza fin dal periodo Heian (794-1185). In questo senso, il mugicha si diffuse in tutto il Giappone prima del tè verde, e si dice che i nobili e i comandanti militari di questo periodo lo apprezzassero come bevanda chiamata "mugi-kogashi” (麦焦がし; orzo bruciato). Bevevano una miscela di farina d'orzo tostata secca e zucchero sciolto in acqua calda o alcool. Sì, la mugicha è stata prima bevuta calda e con mia sorpresa, anche con un po' di zucchero aggiunto!  

Fu solo alla fine del periodo Edo (1603-1868) che il tè d'orzo divenne una bevanda popolare e casuale per i cittadini. Durante questo periodo, veniva gustato nei "negozi del tè d'orzo (Mugiyu-ten;麦湯店)". Come nota, le mugiyu kanji indica che si tratta di una bevanda calda e indica che durante questo periodo era ancora principalmente servita calda. Nell'era Meiji (1868-1912), il mugicha divenne ancora più diffuso nelle normali famiglie e nei caffè. Infine, la rivoluzione mugicha è avvenuta nel 1963. Lo sfondo? Questo è stato l'anno prima delle Olimpiadi di Tokyo e le primissime bustine di tè mugicha sono state rilasciate da Hitachiya-Honpo Incorporated. Questo modo più conveniente di preparare il tè, insieme alla diffusa adozione di frigoriferi nelle famiglie giapponesi, ha catalizzato la popolarità del tè freddo mugicha. Due anni dopo, nel 1965, Ishigaki Foods lanciò bustine di tè mugicha che potevano essere fatte semplicemente immergendole direttamente nell'acqua, in altre parole, non bollite. Aggiungete a questo che l'orzo viene raccolto all'inizio dell'estate e abbiamo la nostra spiegazione di come la mugicha sia diventata un alimento base dell'estate.  Mugicha freddoTazza di Mugicha fredda; fotografato da Nabeshima Meicha.  

 

Mugicha durante la pandemia 

Mentre il mugicha è stato un punto fermo estivo in Giappone per oltre 100 anni, il, Diario alimentare giapponese ha recentemente riferito che la pandemia globale ha aumentato il consumo di bustine di tè mugicha. Poiché le persone trascorrono più tempo a casa (e fanno meno viaggi nei negozi di alimentari per acquistare mugicha in bottiglia), il business delle bustine di tè mugicha sta andando relativamente bene sul mercato. Inoltre, sebbene il mugicha abbia una forte impressione in Giappone come bevanda estiva, ora sembra che venga bevuto anche in autunno e autunno. I giapponesi sembrano avere familiarità con questa bevanda e poiché è priva di caffeina, molte famiglie con bambini e anziani stanno scoprendo che è una bevanda compatibile per tutti. E con l'aumento della coscienza ambientale, le persone portano in giro mugicha nelle proprie bottiglie (quella che chiamiamo "la mia bottiglia" in Giappone). Infine, anche se non è certo se le bustine di tè mugicha continueranno a riscuotere successo, le persone stanno anche iniziando a sperimentare la cottura e la cottura con la mugicha! Ad esempio, i fornai sono stati creativi nel preparare una torta di libbra mugicha invece di una a base di tè nero. E, invece di una base di tè verde da fare Ochazuke, la mugicha può essere una bella opzione, magari, soprattutto d'estate quando può essere gustata fredda.  

Spero che ti sia piaciuto leggere e conoscere mugicha tanto quanto ho fatto ricercare la sua storia! Cerca di trovare il tempo per goderti un bel mugicha freddo quest'estate, magari rilassandoti, mangiando una fetta di cocomero, e ascoltando le cicale estive... Oh, ed ecco un giglio di fuoco come un saluto del solstizio d'estate. Saluti all'estate e al mugicha!  

Solstizio d'estate-Moe KishidaLilium bulbiferum; foto di Moè Kishida. 

 

 

Articoli di blog correlati su mugicha:

 

 immagine caratteristica by Nabeshima Meicha

OrzoOffertaMoe KishidaMugicaTè d'orzo tostatoBevanda estivaStoria del tè

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati