Dal tè al mare: foreste, dinamiche nutritive e coltivazione del tè

Dal tè al mare: foreste, dinamiche nutritive e coltivazione del tè
Scritto da Jimmy Burridge

Foto di presentazione: Coltivazione di tè Chagusaba presso il Giardino del tè Kaneroku Matsumoto dove l'erba che circonda i campi di tè viene tagliata, essiccata e posta tra le piante per fertilizzare il campo e prevenire le erbacce. La foto mostra un appena piantato campo di tè di piante di cultivar koshun.

Il vapore acqueo sale e galleggia verso le montagne. La pioggia cade sulla montagna, gocciola nel terreno, emerge a una sorgente e alla fine sfocia nel mare. Le nostre pratiche agricole influenzano il suolo, l'acqua e persino il modo in cui l'acqua si muove. Sia il tè in montagna che il pesce in mare ci invitano a lavorare con loro in modo positivo. Il risultato sarà un tè eccellente e ecosistemi sani.


Introduzione

Il rapporto tra uomo, foresta e acqua è uno dei modi più antichi, duraturi e fondamentali con cui abbiamo un impatto sul mondo. In questo articolo esaminiamo come le persone, e le loro esigenze agricole, hanno interagito con la terra e i corsi d'acqua, dalle montagne fino al mare, con particolare attenzione al tè. Toccheremo le dinamiche dei nutrienti delle piantagioni di tè e spiegheremo come la produzione di tè può avere un impatto sugli ambienti a valle. Un esempio illustra come la collaborazione tra gruppi di persone a monte ea valle assicuri il corretto funzionamento degli ecosistemi da cui entrambi dipendono.

Gestione forestale storica 

La storia dell'agricoltura in Giappone è definita dalla geologia, dalla topografia e dai dettami dei governanti e dei centri abitati. In modo più evidente, le successive ondate di taglio degli alberi sono state guidate dalla costruzione di monumenti, dalla costruzione di città, dalla produzione di carbone e anche dai bisogni dei contadini per il proprio carburante, materiale da costruzione, materiale verde utilizzato per i fertilizzanti e, naturalmente, per la produzione alimentare. Lo studioso Conrad Totman ha svolto delle ricerche eccellenti sulla storia dell'uso e della gestione delle foreste in Giappone, ecco a collegamento ad un breve articolo. La maggior parte del materiale per la sezione sulla storia forestale proviene dal suo lavoro, vedi Riferimenti.

L'uso più famoso, e forse esteso, degli alberi più antichi e grandiosi del Giappone fu quello di costruire i numerosi templi, santuari, castelli e case di daimyo e imperatori. Man mano che gli imperi crescevano, crescevano anche le città, costruite quasi esclusivamente in legno. Poiché il fuoco, dovuto agli incendi domestici sfuggiti alla cucina o alla guerra, spesso distruggeva edifici e talvolta enormi sezioni di città, sarebbe stata tagliata più legna per ricostruire.

Grande vecchio albero a Otakasan, nella prefettura di ToykoGrande vecchio albero nel monte Otake, nella prefettura di Toyko. Foto per gentile concessione di Moé Kishida.

 

La gestione delle foreste, probabilmente il precursore della moderna gestione dei nutrienti, è stata intrapresa principalmente per due motivi; garantire una disponibilità stabile dei prodotti forestali e prevenire effetti negativi a valle, come inondazioni e siccità causate dall'erosione, dall'insabbiamento e dall'approvvigionamento idrico irregolare della foresta. L'insabbiamento, che si verifica quando l'acqua trasporta i sedimenti, ha l'effetto negativo di abbassare immediatamente la qualità dell'acqua per i pesci e la vita acquatica e il conseguente effetto negativo sul flusso d'acqua e sulla salute dei corsi d'acqua quando questo sedimento si deposita a valle. Questa deposizione fa sì che il fiume diventi più basso, e quindi più largo, rallentando il flusso e portando a un'ulteriore deposizione di sedimenti, un tipo di ciclo di feedback. La sedimentazione rende i campi bassi, come le risaie, molto più suscettibili alle inondazioni. I governanti hanno quindi cercato di prevenire danni a questi campi produttivi riducendo il deflusso di sedimenti a monte. Questo, insieme al desiderio di continuare a raccogliere alberi per l'edilizia, il carbone e la miriade di altri usi, ha spinto la gestione forestale in Giappone attraverso esperimenti di conservazione, taglio gestito, indennità per la ricrescita, reimpianto e poi silvicoltura.

 

alberi - Moé KishidaDue immagini di un'area boschiva giovane e riforestata con principalmente una specie di albero. Foto a sinistra nella prefettura di Aichi, foto a destra a Ome, nella prefettura di Tokyo. Foto per gentile concessione di Moé Kishida.

 

Un uso più intensivo ma disperso delle risorse forestali è attribuibile agli agricoltori, che ovviamente sono stati la maggioranza della popolazione per la maggior parte della storia. Le popolazioni rurali raccoglievano non solo combustibile per cucinare e riscaldare, ma raccoglievano anche legna per produrre carbone da vendere agli abitanti delle città. Inoltre, i tradizionali sistemi agricoli giapponesi si basano sulla raccolta di cespugli, erba, muschio, foglie cadute, praticamente qualsiasi materiale organico compostabile, per l'incorporazione nel terreno dei terreni agricoli. Questo materiale organico si decomporrebbe e le sostanze nutritive diventerebbero lentamente disponibili per le piante coltivate. Per non romanticizzare le pratiche contadine tradizionali, va anche menzionato che molti agricoltori brucerebbero il materiale organico e incorporerebbero la cenere, il che rendeva disponibili i nutrienti molto più rapidamente ma ovviamente comportava la perdita di quasi tutto il carbonio contribuendo così a aumento dei livelli di anidride carbonica nell'atmosfera.

Il taglio estensivo e intensivo degli alberi per combustibili e scopi edilizi, noto per città, templi e case della nobiltà, così come gli agricoltori che raccolgono sterpaglia, muschio e detriti forestali, hanno definito e trasformato la struttura, la composizione e l'ecologia della foresta del Giappone. Uno degli esempi interessanti degli effetti di questo cambiamento nella struttura della foresta è come il fungo hiratake (ostrica), che preferisce foreste diverse, mature e completamente ombreggiate, sia stato sostituito intorno al XIII secolo dal fungo matsutake. Il matsutake prospera in paesaggi disturbati e può crescere bene nelle piantagioni di foreste dominate da pini, che sono state sostituite da diverse foreste non piantate (Totman, 13). Questo legame tra espansione agricola, rapida crescita della nobiltà e proliferazione del matsutake può aiutare a spiegare perché il matsutake è diventato una componente della cultura giapponese (vedi il libro “Matsutake, il fungo alla fine del mondo” di Anne Tsing, se le relazioni tra persone e funghi sembrano interessanti!). 

 

Delicato ed effimero Katakuri- Moé KishidaDelicato ed effimero Katakuri (Erythronium japonicum, un tipo di giglio trota) che fiorisce in una foresta mista. Foto per gentile concessione di Moé Kishida.

 

Il tè viene spesso coltivato sulle pendici delle montagne per l'interesse di sfruttare fattori ambientali spesso associati al terroir come sbalzi di temperatura, foschia mattutina ma anche per il fatto pratico che altre colture, come riso, soia, grano saraceno, frutta ecc. sono coltivati ​​in pianura dove la loro cura è molto più facile. Il tè si presta semplicemente ad essere coltivato su pendii più ripidi poiché ogni singola fila può occupare un terrazzino separato. Inoltre, poiché il tè è una coltura perenne che non richiede lavorazione del terreno e mantiene la copertura del suolo tutto l'anno, non contribuisce all'erosione della stessa quantità di una coltura annuale che richiede la lavorazione del terreno e non copre il terreno per una parte dell'anno. 

 

Ripido campo da tè Wazuka, prefettura di KyotoUn campo di tè in forte pendenza e una foresta di monocoltura a Wazuka, nella prefettura di Kyoto. Foto di Jimmy Burridge.

 

Produzione e concimazione del tè

Prima che l'era moderna rendesse disponibile il fertilizzante azotato sintetico, i coltivatori di tè facevano affidamento, come quasi tutti gli altri agricoltori in Giappone, sulla suddetta raccolta di materiali organici dalle aree circostanti, comprese le foreste, da applicare ai loro campi. Nel caso del tè, questo è chiamato il chagusaba metodo, menzionato in questo colloquio. Chagusaba, così come l'uso più contemporaneo del guano di pipistrello trasformato o della farina di pesce come fertilizzante, fornisce un rilascio relativamente lento di sostanze nutritive utilizzate anche dai microbi presenti in natura. Tuttavia, in particolare dopo l'introduzione del fertilizzante azotato sintetico, il tè è stato spesso concimato pesantemente. La fertilizzazione può promuovere una rigogliosa crescita primaverile e può consentire raccolti multipli. Può anche aiutare a produrre foglie ricche di azoto con un sacco di sapore di umami. 

Come discusso in un precedente Precedenti, l'umami del tè di alta qualità è associato a una maggiore quantità di aminoacidi ricchi di azoto. Ombreggiatura è il modo classico per incoraggiare la pianta a produrre più clorofilla, la molecola unica che utilizza la luce solare per trasformare l'anidride carbonica in zuccheri e, successivamente, nei composti ricchi di azoto che forniscono il sapore dell'umami. 

Il fertilizzante azotato sintetico deriva dalla scissione dell'azoto atmosferico (due atomi di azoto tripli legati tra loro) e quindi dal legame dell'azoto all'idrogeno per produrre ammoniaca e successivamente altre forme di azoto disponibile per le piante. Questo processo richiede una grande quantità di energia derivata da combustibili fossili per creare l'ambiente ad alta pressione e ad alta temperatura necessari per le reazioni. Sebbene il processo sia stato sviluppato per la prima volta durante la prima guerra mondiale, è stato utilizzato per produrre fertilizzanti su larga scala solo dopo la seconda guerra mondiale. In Giappone, come in molti luoghi, questa nuova fonte di fertilizzante azotato è arrivata in un periodo di rapida crescita della popolazione, ma foreste gravemente impoverite e fonti tradizionali di nutrienti. Per questo motivo, molti pensavano che i metodi tradizionali non potessero sostenere la domanda agricola di una popolazione in rapida crescita, e in effetti, su scala globale, la diffusione di fertilizzanti sintetici ha consentito di nutrire milioni di persone. In Giappone, l'uso di fertilizzanti sintetici è stato incoraggiato e ampiamente utilizzato negli anni del dopoguerra e negli anni '1990.

Compromessi della fertilizzazione sintetica

Tuttavia, questa fertilizzazione ha un impatto sulla dinamica dei nutrienti, sulla salute del suolo, sul funzionamento dell'ecosistema e persino sulla salute umana in modi a volte negativi. I principali modi in cui la fertilizzazione può avere un impatto sull'ambiente è attraverso il deflusso, la lisciviazione e la volatilizzazione. Il deflusso del fertilizzante e la contaminazione delle acque sotterranee tramite la lisciviazione si verificano quando il fertilizzante viene applicato al terreno ma non viene assorbito dalla pianta o legato al terreno prima di essere trasportato dall'acqua fuori dalla zona delle radici. Gli studi hanno dimostrato che la maggior parte del fertilizzante applicato a un campo, in uno scenario di alta fertilizzazione, non viene assorbito dalle piante e una parte significativa viene dispersa nell'ambiente il primo anno (Chen e Lin, 2016). Il deflusso di nutrienti, principalmente fosforo e nitrato di azoto (N), dai terreni agricoli contribuisce alla proliferazione algale e quindi all'eutrofizzazione, che riduce i livelli di ossigeno dell'acqua al punto che i pesci e altre specie acquatiche muoiono effettivamente. Allo stesso modo, la lisciviazione dei nutrienti attraverso il suolo e nelle acque sotterranee può portare a livelli elevati di nutrienti nei corsi d'acqua e nelle sorgenti, dove può avere un impatto negativo sugli ecosistemi ripariali (Nagumo et al., 2012). 

Come i lettori negli Stati Uniti sapranno, lo spartiacque di Chesapeake Bay è soggetto a una gestione intensiva dei fertilizzanti, al fine di proteggere la salute della baia. In passato, il deflusso involontario di fertilizzanti nella baia causava grandi fioriture algali, portando all'eutrofizzazione, che a sua volta danneggiava la vita vegetale e animale, compresa l'importantissima industria della pesca. Diversi specchi d'acqua in Europa, come il Mar Baltico, l'Atlantico nord-orientale e il Mar Nero, hanno anche sperimentato gravi problemi di eutrofizzazione a causa dell'eccessivo ingresso di nutrienti dalle aree agricole (rapporto dell'Agenzia europea dell'ambiente sommario). La Cina ha anche gravi problemi con i nutrienti in eccesso che danneggiano la qualità dell'acqua e la funzione dell'ecosistema.

La volatilizzazione del fertilizzante è il processo mediante il quale un fertilizzante solido viene trasformato in una forma gassosa, solitamente in combinazione con i microbi del suolo e in interazione con la temperatura del suolo, l'umidità, il pH ecc. La volatilizzazione del fertilizzante contenente azoto può avvenire sotto forma di ammoniaca (NH3 ) o protossido di azoto (N20). L'emissione di ammoniaca è un problema in primo luogo per l'agricoltore perché il costoso azoto che è stato applicato al suolo sta letteralmente fluttuando via, e in secondo luogo perché quando ritorna nel suolo può contribuire a problemi di acidificazione ed eutrofizzazione del suolo. L'agricoltura, in particolare l'uso di fertilizzanti azotati, è una fonte significativa di emissioni di protossido di azoto, un potente gas serra (Tian et al., 2020). Mentre il tè rappresenta solo l'1% circa del totale dei terreni agricoli in Giappone, la coltivazione del tè è responsabile di oltre il 10% delle emissioni di N2O dei terreni agricoli, il che significa che è molto importante affrontare le emissioni di N20 nel tè (Hirono et al., 2021). La ricerca in Giappone ha studiato le emissioni di protossido di azoto dai campi di tè e offre strumenti per aiutare a comprendere e, infine, ridurre la produzione di N20 (Hirono e Nonaka, 2012; Zou et al., 2014). 

Il terreno può anche diventare più acido a causa della concimazione e della coltivazione del tè (Yan et al., 2018). Il suolo acido ha un impatto sulla comunità microbica del suolo e sulla crescita delle radici e delle piante. Gli studi hanno quantificato il modo in cui l'acqua che fuoriesce da terreni agricoli acidificati entra nelle acque sotterranee ed emerge in sorgenti e ruscelli per poi colpire pesci e anfibi (Hirono et al., 2009; Yan et al., 2018). Ricerche recenti hanno ampliato la portata degli effetti della fertilizzazione N alla comunità microbica del suolo e ha scoperto che la fertilizzazione N, possibilmente in parte tramite acidificazione, ha ridotto la diversità microbica, indebolito la diversità della comunità microbica e ridotto la stabilità della comunità microbica del suolo (Ma et al., 2021).

Una migliore gestione, metodi di applicazione e prodotti riducono i compromessi 

I tassi di applicazione di azoto sono aumentati dagli anni '1960 fino agli anni '1990, quando l'attenzione si è spostata sulla riduzione dei tassi di applicazione di N e sul miglioramento dell'efficienza nell'uso dell'azoto (Hirono et al., 2021). Indagini ambientali approfondite ea lungo termine sulla qualità dell'acqua in ruscelli, sorgenti e falde acquifere in una regione di coltivazione intensiva del tè a Shizuoka mostrano una tendenza al ribasso dell'azoto nitrato nei sistemi idrici che circondano i campi di tè dagli anni '1990 (Hirono et al., 2009). Gran parte del lavoro di ricercatori, agronomi e agricoltori è stato dedicato al miglioramento dell'assorbimento di N e dell'efficienza di utilizzo utilizzando nuove tecniche, tecnologie o semplicemente regolando la velocità, i tempi e il metodo di applicazione (Watanabe, 1995; Wang et al., 2020). Sono state sviluppate strategie di gestione dei fertilizzanti, inclusa la limitazione del deflusso da campi in pendenza (Wang et al., 2018, 2020). Ulteriori sviluppi della strategia di raccomandazione dei fertilizzanti implicano una migliore caratterizzazione della dinamica temporale dell'assorbimento dei nutrienti da parte del tè al fine di far corrispondere l'applicazione con l'assorbimento (Tang et al., 2020). Un altro lavoro ha confrontato applicazioni identiche di fertilizzante sintetico a un fertilizzante derivato dalla colza (una pianta della famiglia delle Brassica) e ha mostrato che il fertilizzante derivato dalla colza riduce il rischio di acidificazione del suolo e di eutrofizzazione dell'acqua (Xie et al., 2021). Tuttavia, le applicazioni totali di fertilizzanti (N e P) alle piantagioni di tè rimangono elevate e permangono rischi per la superficie, le acque sotterranee ed eventualmente baie e lagune e persino il mare stesso (Nagumo et al., 2012).  

 

Ripido campo da tè, giardino del tè KirokuGestione precisa e responsabile delle ripide piantagioni di tè presso il giardino del tè Kiroku a Wazuka, nella prefettura di Kyoto. Foto per gentile concessione di Giardino del tè Kiroku.

 

Collegare il tè, la terra, i corsi d'acqua e il mare

I pescatori in Giappone conoscono i legami tra la salute della pesca e la salute dei terreni agricoli e forestali da decenni e probabilmente da secoli. Alcune foreste costiere sono persino chiamate "Uotsuki-rin" - "foreste di allevamento ittico" (Iwasaki, 2021). Si praticano ancora cerimonie stagionali che collegano foresta e mare portando l'acqua di mare in un santuario della foresta (Iwasaki, 2021). In un altro caso, lo scioglimento della neve primaverile fa traboccare una particolare sorgente presso il tempio Nigatsu-dō a Nara e inizia la sua discesa verso il mare, indicando l'inizio della primavera (Bedini, 1994). Nonostante gli indicatori che le persone storicamente conoscevano sulle connessioni tra montagne e mare, ci è voluto del tempo per collegare i drammatici cambiamenti nella dinamica dei nutrienti e nel funzionamento dell'ecosistema all'introduzione di fertilizzanti chimici.

Il mare di Ariake nella prefettura di Kyushu è una baia di acqua salata che riceve acqua dolce da sette fiumi principali. Ha la più grande collezione di piane di marea in Giappone e dimostra la sfida della gestione dei nutrienti e gli interessi di diversi attori. Ariake Bay fornisce l'habitat vivaio per i pesci selvatici, oltre a sostanziali attività di acquacoltura tra cui alghe e crostacei (Yagi et al., 2011). Tuttavia, anche il suo bacino idrografico è stato storicamente coltivato in modo intensivo e fino ai giorni nostri molto tè è coltivato nelle regioni montuose con verdure e riso nelle zone di pianura (Shiratani et al., 2005). In quanto tale, il deflusso di nutrienti e il suolo eroso che entrano nella baia sono stati una sfida che ha interessato la coltivazione di pesci, molluschi e alghe. Mentre i sistemi innovativi di riciclaggio dell'acqua, il miglioramento della gestione delle fattorie in montagna e in pianura e altre misure hanno migliorato le condizioni, le agenzie governative, gli agricoltori e i ricercatori continuano a cercare di comprendere e risolvere le sfide. 

 

Due prospettive di un piccolo corso d'acqua che attraversa una foresta semi-gestita a Ome, nella prefettura di Tokyo. Foto per gentile concessione di Moé Kishida.

 

Come notato sopra, i tassi di applicazione ridotti ai campi di tè hanno migliorato la qualità dell'acqua nella regione di Shizuoka (Hirono et al., 2009), una tendenza che probabilmente sarà coerente in altre regioni di coltivazione del tè del Giappone. C'è un movimento generale verso un uso del fertilizzante più preciso, appropriato e tempestivo. Un crescente interesse nel ricollegarsi alle pratiche tradizionali offre ulteriori promesse per aiutare a rigenerare ecosistemi sani, come mostra il movimento satoyama. Satoyama è un paesaggio agrario tradizionale, in cui agricoltori e silvicoltori modificano il paesaggio e producono un tipo di mosaico di sistemi ecologici coerente con i due millenni precedenti (Ito e Sugiura, 2021). Alcuni gruppi di satoyama si concentrano sulla creazione dei complessi paesaggi gestiti dall'uomo che producono il famoso fungo matsutake (Satsuka, 2014). Il fatto che gruppi di giovani e anziani, urbani e rurali, si uniscano per contribuire a rivitalizzare le pratiche tradizionali è un esempio incoraggiante di come le persone e gli ambienti possano re-imparare a vivere bene insieme. 

Un recente articolo stimolante ha identificato 3784 casi di iniziative forestali e di pesca a sostegno di una migliore qualità dell'acqua e degli habitat dei pesci (Iwasaki, 2021). L'autore delinea diversi esempi, tra cui un progetto di riforestazione noto come "Il mare desidera la foresta" a Miyagi / Iwate, avviato da un allevatore di ostriche preoccupato per la salute dell'ecosistema a livello di spartiacque. Un altro esempio a Kumamoto riguarda gli allevatori di vongole, questa volta ad Ariake Bay. Gli agricoltori hanno notato gli impatti negativi dell'erosione del suolo a monte sulle loro vongole e hanno iniziato a lavorare con le comunità montane per riforestare i terreni sensibili e ridurre l'erosione. Altri progetti hanno affrontato questioni relative alla produzione di alghe e ricci di mare. Il Giappone è uno dei pochi paesi che ha questo tipo di iniziative guidate dagli agricoltori che affrontano la salute degli spartiacque collegando foresta e mare. Il tipo di agenzia e di collaborazione che questi progetti di collaborazione dimostrano è molto incoraggiante. 

 

simpatici spiriti della foresta WazukaPersone che fanno spazio ai simpatici spiriti della foresta e buona fortuna a Wazuka, nella prefettura di Kyoto! Foto di Jimmy Burridge.

 

Conclusione

Ora comprendiamo di più su come i cambiamenti nella composizione delle specie forestali, nella struttura dell'età delle foreste e nel suolo stesso influenzino la capacità di ritenzione idrica, nonché la salute e il successo riproduttivo di pesci e anfibi. I pesci migratori che viaggiano a monte per deporre le uova possono svolgere un ruolo importante nel portare i nutrienti dal mare o dai laghi a valle, ma la loro migrazione e riproduzione sono sensibili alla salute dei corsi d'acqua.

La moderna produzione di tè richiede apporti di azoto, anche se da fonti organiche come sovescio di provenienza locale, soia esaurita dalla produzione di salsa di soia o miso, farina di pesce o guano di pipistrello. Questo può essere costoso e in particolare forme sintetiche, può defluire o lisciviare nelle acque sotterranee. Una buona gestione, che includa un'adeguata selezione del prodotto, nonché tempi e velocità di applicazione sono importanti. Molti coltivatori di tè ecologicamente responsabili hanno ridotto l'apporto di fertilizzanti e una migliore gestione. I coltivatori di tè stanno riconoscendo la connettività tra la coltivazione del tè e i partner a valle e stanno facendo la loro parte per sostenere corsi d'acqua sani, che ha effetti positivi su tutti a valle, anche sui pesci e sui pescatori.



Referenze

  • Bedini, Silvio. 1994. Il sentiero del tempo; Misurazione del tempo con l'incenso nell'Asia orientale. Cambridge University Press. 
  • Chen CF, Lin JY. 2016. Stima del budget lordo di azoto e fosforo applicati nelle piantagioni di tè. Ricerca sull'ambiente sostenibile 26124-130.
  • Hirono Y, Nonaka K. 2012. Emissioni di protossido di azoto dai campi di tè verde in Giappone: contributo delle emissioni dal suolo tra i filari e dal suolo sotto la chioma delle piante di tè. Scienza del suolo e nutrizione delle piante 58384-392.
  • Hirono Y, Sano T, Eguchi S. 2021. Cambiamenti nell'impronta di azoto del consumo di tè verde in Giappone dal 1965 al 2016. Scienze ambientali e ricerca sull'inquinamento 2844936-44948.
  • Hirono Y, Watanabe I, Nonaka K. 2009. Tendenze della qualità dell'acqua in un'area di coltivazione intensiva del tè a Shizuoka, in Giappone. Scienza del suolo e nutrizione delle piante 55783-792.
  • Ito T, Sugiura M. 2021. I paesaggi di Satoyama come mosaici ecologici della biodiversità: conoscenza locale, educazione ambientale e futuro delle aree rurali del Giappone. Ambiente: scienza e politica per lo sviluppo sostenibile 6314-25.
  • Iwasaki S. 2021. Iniziative di piantagione di foreste basate sui pescatori in Giappone: lezioni apprese. Studi regionali in scienze marine 45, 101839.
  • Ma L, Yang X, Shi Y, Yi X, Ji L, Cheng Y, Ni K, Ruan J. 2021. Risposta della resa del tè, della qualità e delle caratteristiche batteriche del suolo alla fertilizzazione a base di azoto a lungo termine in un esperimento sul campo di undici anni. Ecologia applicata del suolo 166, 103976.
  • Nagumo T, Yosoi T, Aridomi A. 2012. Impatto dell'uso del suolo agricolo sulla concentrazione di N e P nei bacini idrografici di coltivazione del tè dominati dalle foreste. Scienza del suolo e nutrizione delle piante 58121-134.
  • Satsuka S. 2014. Il movimento Satoyama: immaginare beni comuni multispecie nel Giappone postindustriale. Prospettive RCC, 87–93.
  • Shiratani E, Kubota T, Yoshinaga I, Hitomi T. 2005. Effetto dell'agricoltura sul flusso di azoto nell'ambiente idrico costiero della Baia di Ariake, in Giappone. Ecologia e ingegneria civile 873-81.
  • Tang S, Liu Y, Zheng N, et al. 2020. Variazione temporale del fabbisogno nutritivo del tè (Camellia sinensis) in Cina sulla base dell'analisi QUEFTS. Rapporti scientifici 101-10.
  • Tian H, Xu R, Canadell JG, et al. 2020. Una quantificazione completa delle fonti e dei pozzi globali di protossido di azoto. Natura 586248-256.
  • Totman, Corrado. 1998. L'arcipelago verde; La silvicoltura nel Giappone preindustriale. Ohio University Press.
  • Totman, Corrado. 2000. Una storia del Giappone. Editoria Blackwell.
  • Wang Z, Geng Y, Liang T. 2020. Ottimizzazione dell'uso ridotto di fertilizzanti chimici nelle piantagioni di tè sulla base della valutazione dei relativi benefici ambientali ed economici. Scienza dell'ambiente totale 713, 136439.
  • Wang W, Xie Y, Bi M, Wang X, Lu Y, Fan Z. 2018. Effetti delle migliori pratiche di gestione sulla riduzione del carico di azoto nei campi di tè con diversi gradienti di pendenza utilizzando il modello SWAT. Geografia applicata 90200-213.
  • Watanabe I. 1995. Effetto dell'applicazione di fertilizzanti azotati in diverse fasi sulla qualità del tè verde. Scienza del suolo e nutrizione delle piante 41763-768.
  • Xie S, Yang F, Feng H, Yu Z, Liu C, Wei C, Liang T. 2021. Il fertilizzante organico ha ridotto il carbonio e l'azoto nel deflusso e l'acidificazione del suolo tamponata nelle piantagioni di tè: prove nel contenuto di nutrienti e nei frazionamenti isotopici. Scienza dell'ambiente totale 762, 143059.
  • Yagi Y, Kinoshita I, Fujita S, Aoyama D, Kawamura Y. 2011. Importanza dell'estuario superiore come vivaio per i pesci ad Ariake Bay, in Giappone. Biologia ambientale dei pesci 91337-352.
  • Yan P, Shen C, Fan L, Li X, Zhang L, Zhang L, Han W. 2018. La semina del tè influisce sull'acidificazione del suolo e sulla distribuzione di azoto e fosforo nel suolo. Agricoltura, Ecosistemi e Ambiente 25420-25.
  • Zou Y, Hirono Y, Yanai Y, Hattori S, Toyoda S, Yoshida N. 2014. Analisi dell'isotopomero del protossido di azoto accumulato nel terreno coltivato a tè (Camellia sinensis) a Shizuoka, nel Giappone centrale. Biologia e biochimica del suolo 77276-291.
AmbienteJimmy BurridgeColtivazione del tèColtivazione del tè

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati